Paolo ha rimproverato l'Apostolo Pietro

Bush 322 Kerry Satana Nitzsche culto Nwo Spa Fmi ]] quello che, io vi posso fare, da vivo, e 1000 volte di più da morto? [ perché, UNIUS REI è IMMORTALE ] sfugge ad ogni vostra comprensione.... è un vero peccato per voi, che, voi non siete dei gay passivi, che, non ci potete godere!
Mio Dio vi benedica. Non capisco cosa intendi, perdono; Sei quale chiesa? Sei italiano o israeliano?... che Gesù è con te? [[RISPOSTA]] Gesù è il mio re Messia... Io sono insegnante di italiano Accolite: della religione cattolica... sono Unius REI, il re d'Israele: lorenzoJHWH e il mahdì reale: lorenzoAllah: è per questo, sono fratellanza universale: naturale e: legge universale... io sono il Regno di: Dio JHWH: in modalità politico, io sono la vita del mondo: la metaphisic: Re: dei re e Signore dei signori
Dios te bendiga. No entiendo lo que quieres decir, perdón; ¿es lo que la iglesia? ¿Eres italiano o israelí?... que Jesús está contigo? [[RESPUESTA]] Jesús es mi Rey Mesías... Soy profesora de Italiano Accolite: de la religión católica. Soy Unius REI, el rey de Israel: lorenzoJHWH y el real mahdì: lorenzoAllah: por eso, soy la fraternidad universal: natural y: ley universal... yo soy el Reino de: Dios JHWH: en modo político, yo soy la vida del mundo: el metaphisic: Rey: de Reyes y señor de señores
Mon Dieu vous bénisse. Je ne comprends pas ce que vous entendez, pardon ; vous êtes à quelle église ? vous êtes italien ou l'israélien?... que Jésus est avec vous ? [[RÉPONSE]] Jésus est mon roi Messie... Je suis professeur d'italien Accolite : de la Religion catholique... Je suis Unius REI, le roi d'Israël : lorenzoJHWH et, le véritable mahdì : lorenzoAllah : est pourquoi, je suis fraternité universelle : le naturel et : loi universelle... je suis le Royaume de : Dieu JHWH : en mode politique, je suis la vie du monde : la metaphisic : roi : des rois et Seigneur des seigneurs
Benim Tanrı sizi korusun. Ne demek, anlıyor musun bağışla; Sen hangi kilise? Sen İtalyan veya İsrail?... bu İsa mı? [[CEVAP]] Benim kral Mesih İsa olduğunu... Accolite İtalyan öğretmenim: Katolik din... Unius REI, İsrail kralı olduğumu: lorenzoJHWH ve gerçek mahdì: lorenzoAllah: yüzden, evrensel kardeşlik olduğumu: doğal ve: evrensel hukuk olduğumu Krallığı: Tanrı'nın JHWH: siyasi modunda olduğumu hayatların: metaphisic: Kral: krallar ve Lord Lordlar
بلدي الله يبارك لك. أنا لا أفهم ما تعنيه، العفو؛ أنت ما هي الكنيسة؟ كنت الإيطالية أو الإسرائيلية؟.. أن يسوع معك؟ [[جواب]] هو يسوع المسيح الملك بلدي... أنا المعلم الإيطالي أككوليتي: من "الديانة الكاثوليكية"... أنا أونيوس REI، ملك إسرائيل: لورينزوجهوه، و mahdì الحقيقي: لورينزوالة: هو السبب، أنا الأخوة العالمية: الطبيعية و: القانون العالمي.. وأنا المملكة: الله JHWH: في الوضع السياسي، أنا حياة العالم: ميتافيسيك: الملك: ملوك و "اللورد لوردات"
My god bless you. I do not understand what you mean, pardon; you are what church? you're Italian or Israeli?.....that jesus is with you? [[ ANSWER ]] Jesus is my King Messiah .. I am Accolite italian teacher: of Catholic Religion.. i am Unius REI, the king of Israel: lorenzoJHWH, and, THE real mahdì: lorenzoAllah: is why, i am universal brotherhood: the natural and: universal law... i am the kingdom of: God JHWH: in political mode, i am the life of world: the metaphisic: King: of Kings and Lord of Lords
Meu Deus te abençoe. Eu não entendo o que quer dizer, perdão; Você está em qual igreja? Você é italiano ou israelita?... que jesus está com você? [[RESPOSTA]] Jesus é meu rei Messias... Sou professora de italiano Accolite: da religião católica... Sou Unius REI, o rei de Israel: lorenzoJHWH e, a mahdì real: lorenzoAllah: é por isso que, eu sou a fraternidade universal: natural e: lei universal... eu sou o Reino de: Deus JHWH: no modo político, eu sou a vida do mundo: o metaphisic: rei: dos reis e Senhor dos senhores
tout ce qui est dans les cieux, sur terre et dans le désespoir et la destruction de l'enfer, tout : m'est venue : est pourquoi, est tiré par la splendeur : de ma gloire, sagesse, miséricorde, la justice et de vérité. . Je suis la plus élevée de la justice politique : qui : plus jamais : pourrait apparaître sur cette planète ! en moi : il n'y a aucune distinction : parmi : hommes, comme : parmi : les anges, sont tout de même : pour moi : sont tous frères : l'égalité des droits : et : égalité des obligations pour tous : parce que : J'ai une loi seulement : c'est l'amour !
all that is in heaven, on Earth and in despair and destruction of hell, everything: came to me: is why, is pulled by the splendor: of my glory, wisdom, mercy, justice, and truth. . I am the highest political justice: that: never again: could appear on this planet! in me: there is no distinction: among: men, as: among: the angels, are all the same: for me: are all brothers: equal rights: and: equal obligations for all: because: I have a law only: that is love!
todo lo que está en el cielo en la tierra y en la desesperación y la destrucción del infierno, todo: vino a mí: por eso, es tirado por el esplendor: de mi gloria, sabiduría, misericordia, justicia y verdad. . Yo soy la mayor justicia política: que: nunca más: puede aparecer en este planeta! en mí: no hay distinción: entre: los hombres, como: entre: los Ángeles, son todos iguales: para mí: son todos hermanos: igualdad de derechos: y: iguales obligaciones para todos: porque: tengo una ley solo: eso es amor!
Tudo o que está no céu, na terra e no desespero e destruição do inferno, tudo: veio a mim: por isso, é puxado pelo esplendor: da minha glória, sabedoria, misericórdia, justiça e verdade. . Eu sou a maior justiça política: que: nunca mais: poderia aparecer neste planeta! em mim: não há nenhuma distinção: entre: homens, como: entre: os anjos, são todos iguais: para mim: são todos irmãos: igualdade de direitos: e: igualdade de obrigações para todos: porque: Eu tenho apenas uma lei: isso é amor!
كل ما في السماء، على الأرض وفي إلياس والتدمير من الجحيم، كل شيء: جاء بالنسبة لي: هو السبب، ويتم سحبها بواسطة روعة: من بلدي المجد، والحكمة، والرحمة، والعدالة والحقيقة. . أنا العدالة السياسية أعلى: أن: ابدأ مرة أخرى: يمكن أن تظهر على هذا الكوكب! في لي: لا يوجد تمييز: بين: الرجال، ك: بين: الملائكة، هي كل نفس: بالنسبة لي: أخوه جميع: المساواة في الحقوق: و: المساواة في الالتزامات لجميع: نظراً ل: لدى قانون فقط: هذا الحب!
all that is in heaven, on Earth and in despair and destruction of hell, everything: came to me: is why, is pulled by the splendor: of my glory, wisdom, mercy, justice, and truth. . I am the highest political justice: that: never again: could appear on this planet! in me: there is no distinction: among: men, as: among: the angels, are all the same: for me: are all brothers: equal rights: and: equal obligations for all: because: I have a law only: that is love!
tutto quello che è in cielo, in terra e nella disperazione e distruzione dell'inferno, tutto viene attirato dallo splendore: della mia gloria, sapienza, misericordia, giustizia, e verità.. . io sono la più alta giustizia politica: che mai più potrebbe apparire su questo pianeta! in me non c'è distinzione tra gli uomini, come tra gli angeli, sono tutti uguali per me: sono tutti fratelli: uguali diritti ed uguali doveri per tutti: perché io ho una legge soltanto: l'amore!

[ Blocchi di Facebook ] io non ho commesso esagerazioni.. anzi, sono diversi giorni, che, io non chiedo la amicizia a nessuno! ma, se, altri la chiedono a me, io accetto la amicizia degli altri, ovviamente!! [ Blocchi di Facebook
To help keep Facebook safe, we sometimes block certain content and actions. Please let us know if you think we've made a mistake in this case.
Spiega perché ritieni che si tratti di un errore.. Grazie per la segnalazione che hai inviato. Anche se al momento non riusciamo a rispondere a tutte le segnalazioni, potremmo contattarti per chiederti maggiori informazioni sul problema nel momento in cui analizzeremo la tua segnalazione.
=============================
my JHWH holy: mio caro, nel mio canale facebook, nei miei gruppi di discussione, le persone di tutto il mondo: si stanno amando... e forse, in cuor loro, loro temono: che, io possa arrivare, con tutta la mia ira: contro: i massoni farisei salafiti e tutti i satanisti della CIA!
===================
 qui, mancano le sedi di partito, anche nei copoluoghi! ... che fine ha fatto la democrazia? un gruppo di bravi ragazzi e ragazze, di FORZANUOVA, Forza Nuova Bari, molto educati, e molto stimati, nel qualrtire Carassi: via Benedrtto Croce: è stato preso a sprangate e catene di ferro: da un gruppo di delinquenti prezzolati. io sono andato questa sera, ed io ho trovato la sede CHIUSA. perché i massoni, i lottizzatori della politica: hanno deciso, che, non ci devono essere sedi di partito sul territorio! Questa è la vera mafia: dei politici! questo è il sistema massonico bildenberg.. tanto da destra a sinistra sempre il signoraggio bancario, noi dobbiamo rubare al popolo pecora e schiavo: HANNO DETTO LA MERKEL PRODI DALEMA !
=======================
BEN FAtto: basta a farsi rubare anche, le mutande dalla Merkel!! ATENE, 28 GEN - "Il governo ha deciso di bloccare la privatizzazione della Dei e della Admie", chiesta dalla troika. Lo ha detto a Skai il ministro per la Produzione Lafazanis. "La posizione del governo - ha detto poi Spirtzis, vice-ministro alle Infrastrutture, a Mega tv - è fermare le privatizzazioni nelle infrastrutture per sviluppare il Paese".
Le bestie di hetzbollah attaccano nel nord d'Israele una colonna dell'esercito.
Risultano uccisi il Cap. Yochai Kalangel, 25 anni e il Sgt. Dor Haim Nini di 20 anni. La loro memoria sia di benedizione. Altri sette soldati sono stati feriti. BEIRUT, 28 GEN - Un casco blu dell'Onu è morto oggi nel sud del Libano colpito nello scontro a fuoco tra Israele e Hezbollah. Lo conferma il portavoce del contingente Unifil nel sud del Libano. Fonti militari libanesi affermano che il peacekeeper è spagnolo ed è morto per le ferite riportate dopo esser stato colpito da un lancio di mortaio israeliano nei pressi di Majidiye, località a ridosso del settore orientale della Linea blu di demarcazione tra Libano e Israele.
MOSCA, 28 GEN - L'Ucraina deve restare un Paese non allineato, fuori dalla Nato, se vuole evitare "un'ulteriore scissione" interna. E' il monito che arriva dal ministro degli Esteri russo, Serghiei Lavrov. Gli insorti filo-russi dell'est ucraino denunciano intanto nelle ultime 24 ore l'uccisione di altri 16 civili, sotto i bombardamenti dell'artiglieria di Kiev nella regione di Lugansk. Kiev, a sua volta, accusa i ribelli separatisti per la morte di altri tre suoi militari e di un civile.
quì, c'è un Califfato islamico sharih, che, solo soletto minaccia tutte le NAZIONI del mondo.. ma, la LEGA ARABA SHARIAH, a chi la vuole dare da bere? E CHE I SATANISTI MASSONI SONO IN ATTESA DELLA TRAGEDIA PIù GRANDE, PER STERMINARE DEFINITIVAMENTE LA CIVILTà EBRAICO CRISTIANA. MA, NON SANNO SE TUTTO IL GENERE UMANO POTREBBE SOPRAVVIVERE.. è arrivato il momento, anche, in Italia di armarsi, e di lottare per difendere la propria vita! i miei molti denigratori: non impugnano, un argomento: da contestare, non sanno leggere i miei articoli, NON FANNO DOMANDE, e non sanno entrare in merito, a nessuno degli argomenti DA ME trattati! LA TRAGEDIA DELL'OCCIDENTE NON POTREBBE ESSERE UNA TRAGEDIA PIù GRANDE!
ECCO LA FECCIA!
https://www.facebook.com/giuseppe.gennari.14
https://www.facebook.com/profile.php?id=100004246368592
https://www.facebook.com/giovanni.agazzi
https://www.facebook.com/profile.php?id=100008291205638
https://www.facebook.com/nevio.rabottini
https://www.facebook.com/mirko.avoni
https://www.facebook.com/giuliano.savi
https://www.facebook.com/marco.v.andretto
@ISRAELE, anche se, ci sono degli eccessi (DOVUTI AD IGNORANZA, FANATISMO).. TUTTAVIA, è bello vedere, che, soltanto in Europa:: i massoni bildenberg farisei Illuminati Prodi Dalema, ci hanno fatto perdere la identità di essere cristiani, ed europei. ci hanno trasformato in un popolo di bastardi senza identità. ma, è bello vedere, che, fuori della Europa gli altri popoli non sono ancora diventati: delle pecore docili da tosare: che, esistono sul territorio: i luoghi di aggregazione politica (mentre da noi sono spariti: perché la politica è una truffa del sistema massonico, da noi), ma, che, in loro: in tutti i Popoli del mondo: i nazionalismi e l'orgoglio della identà nazionale: rimane ancoa, grazie a Dio! quanto a me: UNIUS REI: IO HO DIMOSTRATO AI SATANISTI CANNIBALI DELLA CIA in youtube, CHE, io SONO UN UOMO INDIPENDENTE, E NON sono SOTTOMESSO A SCHEMI CULTURALI RELIGIOSI GEOPOLITICI.. io sono UN SERVO DELLA VERITà, UN DIFENSORE DEL DIRITTO LEGITTIMO DI OGNI UOMO DI QUESTO PIANETA: che è mio fratello.. ORA, SE I GOVERNI VOGLIONO MORIRE, in questa follia geopolitica: di farisei salafiti: per la conquista del mondo? LA COLPA, sarà stata SOLTANTO LA LORO, perché è a loro che Dio mio JHWH, ha donato Unius REI: il procuratore!
 YOLA (NIGERIA), 28 GEN - Prosegue l'avanzata di Boko Haram nel nord-est della Nigeria. Testimoni riferiscono di villaggi saccheggiati e dati alle fiamme, con i civili abbandonati al loro destino senza lprotezione dell'esercito.
 Oltre 40 i morti in 7 villaggi nello Stato di Adamawa da lunedì.
 Secondo un testimone, "hanno sgozzato i civili come agnelli, bruciato le case. In molti sono fuggiti, altri sono stati portati via con la forza, in particolare donne e bambini".
 ABUJA, 25 GEN - Sanguinosi attacchi sono stati compiuti dai fondamentalisti islamici Boko Haram anche nello Stato nigeriano di Adamawa, sempre nel nord-est, al confine con il Camerun. Sopravvissuti hanno riferito che i fanatici sono arrivati all'alba e hanno incendiato e raso al suolo interi villaggi, "sgozzando come agnelli" donne e bambini. Altri sono stati portati via con la forza. Le località più colpite nell'Adamawa sono Michika e alcuni villaggi come Garta, Mbororo, Shadu, Liddle, Kamala e Ghumci.
quì, c'è un Califfato islamico sharih, che, solo soletto minaccia tutte le NAZIONI del mondo.. ma, la LEGA ARABA SHARIAH, a chi la vuole dare da bere? E CHE I SATANISTI MASSONI SONO IN ATTESA DELLA TRAGEDIA PIù GRANDE, PER STERMINARE DEFINITIVAMENTE LA CIVILTà EBRAICO CRISTIANA. MA, NON SANNO SE TUTTO IL GENERE UMANO POTREBBE SOPRAVVIVERE.. è arrivato il momento, anche, in Italia di armarsi, e di lottare per difendere la propria vita! i miei molti denigratori: non impugnano, un argomento: da contestare, non sanno leggere i miei articoli, NON FANNO DOMANDE, e non sanno entrare in merito, a nessuno degli argomenti DA ME trattati! LA TRAGEDIA DELL'OCCIDENTE NON POTREBBE ESSERE UNA TRAGEDIA PIù GRANDE!
 IDF Comes Under Attack on Lebanon Border
Four IDF soldiers were wounded along Israel's border with Lebanon Wednesday noon after Hezbollah fire hit Israel. Meanwhile, residents of the north were told to stay indoors. The attack took place near the Har-Dov area, in proximity to the Arab village of Ghajar. The IDF is looking into the possibility that the missile shooting was part of a hijacking attempt. According to initial report, at least one soldier is critically wounded. The incident took place day after the IAF responded to a rocket attack on Israel from Syria. Reports said Hezbollah forces in Syira were behind the attack. Lebanese security officials said Israel later fired 25 artillery shells into Lebanon. Wednesday's attack took place near Mount Dov and Shebaa Farms, a disputed tract of land where the borders of Israel, Lebanon and Syria meet. Lebanese officials said the shelling targeted the border villages of Majidiyeh, Abbasiyeh and Kfar Chouba near the Shebaa Farms area. The incident took place near the border fence in Mount Dov, after Hezbollah forces ambushed an IDF force and fired anti-tank missiles at them. The IDF is searching the area for possible blasts left by Hezbollah along the border. Arab media reports IAF has returned fired into Lebanon - but the reports were unconfirmed. Hezbollah for its part claimed they had hit an IDF convoy. The residents of two border adjacent kibbutzim, Dafna and Kfar Giladi were instructed to remain at home. Watch Here
Meanwhile, the IDF begun drilling along Israel's border with Lebanon amid fears that Hezbollah might be burrowing under the border. The military is aiding local civilian workers in Zar'it, a border community. The IDF stress there is no intelligence indicating the existence of such tunnels, but that residents reported suspicious noises. The incident took place after Israel hit a number of military targets in Syria in response to rocket fire, which reports now say might have been launched by Hezbollah forces in Syria. For some time now residents of the area have complained of such noises and they say they fear Hezbollah might be building underground tunnels under the border, much like Hamas has built tunnels into Israel from Gaza. Last summer, local community leaders demanded the IDF examine the claims: "I have heard claims that soil in the north is harder to dig in than the one in the south. But this area is not rocky, it is actually very easy to tunnel there," said Benny Ben-Mubhar, head of the Mevo'ot Hermon Regional Council. "They army examines every such claim made by residents. The sounds being reported are suspicious and their origin is unknown and could be from underground," said head of the Upper Galile Regional Council. Sarit Eliyahu, a resident of the border community, said the noises she hears are "like a vibrating cell phone." The digging takes place hours after Israeli aircraft struck Syrian army artillery positions early on Wednesday, the IDF said, in retaliation for rockets launched at the Israeli Golan Heights a day earlier. The strike came amid rising frontier tension 10 days after an Israeli air strike in Syria killed an Iranian general and several Lebanese Hezbollah terrorists. The air strike on targets in areas under the control of Syrian President Bashar al-Assad sent a clear message, Defense Minister Moshe Ya'alon said in a statement. "We will not tolerate any firing towards Israeli territory or violation of our sovereignty and we will respond forcefully and with determination," Ya'alon added.
Source: Ynet. When Pro-Hamas Protestors Try to Explain Why They Hate Israel, Things Get Interesting
========================
Gentile sostenitore, in occasione della festa della Madonna di Lourdes, il prossimo 11 febbraio, Luci sull’Est farà celebrare una Santa messa per le intenzioni dei suoi amici e dei loro cari. Fino all’8 febbraio, se lo desideri, potrai così inviarci le tue intenzioni di preghiera e segnalarci una o più persone a te cara che desideri venga ricordata durante la Santa Messa. Oltre alle grazie di guarigione che tante volte legittimamente ci aspettiamo come dono da Lourdes, forse ci dimentichiamo che proprio li la Madonna è venuta in primo luogo per richiamarci alla preghiera, alla penitenza e alla conversione:
... “Penitenza, penitenza, penitenza” ... “Pregherete Dio per la conversione dei peccatori”, chiedeva la Madonna a Lourdes! ...
Così, potrai ricordare in questa messa non soltanto un tuo caro ammalato, ma anche qualcuno in grave bisogno spirituale, qualcuno a chi tu desidera ardentemente la conversione. Augurandoti ogni bene, a te e ai tuoi cari, ti prego di gradire i miei più calorosi saluti.
Nelson Fragelli Presidente Associazione Luci sull'Est
=======================
Boehner denies 'blindsiding' White House with Netanyahu invite. - CLICK if images do not display. Boehner Defends Netanyahu Invite
republicans-leaders-speak. Click here to watch: The Republican Leaders: Boehner and McConnell
US Speaker of the House John Boehner said Sunday night that he informed President Barack Obama that he’d asked Prime Minister Benjamin Netanyahu to speak before Congress hours before the invite was made public. Boehner and Netanyahu were said to have agreed that the Israeli prime minister would speak in Washington on March 3 without consulting the administration — the customary policy on such things. This gave rise to anger in Washington and to criticism in the media. Asked about the White House’s statements that it had been blindsided by the plan, Boehner told CBS’s “60 Minutes,” “We gave them a heads up that morning.” He defended the decision to invite Netanyahu to speak to Congress about his position on Iran’s nuclear program, a stance considerably more hawkish than that of the Obama administration. “There’s nobody in the world who can talk about the threat of radical terrorism — nobody can talk about the threat the Iranians pose, not just to the Middle East and to Israel… but to the entire world — (better) than Bibi (Benjamin) Netanyahu,” he said. Boehner went on to say he did not believe Obama was giving that threat the attention it deserved.
Watch Here
“The president didn’t spend but a few seconds (in his State of the Union address last week) talking about the threat, the terrorist threat that we as Americans face,” he said. “This problem is growing all over the world…the president is trying to act as though it’s not there, but it is there and it’s going to be a threat to our homeland if we don’t address it in a bigger way.” Netanyahu is expected to urge US lawmakers to ready new sanctions on Iran in order to force it to comply with international demands to curb its nuclear program, a move Obama strongly opposes and has vowed to veto. Senate Majority Leader Mitch McConnell told “60 Minutes” he did not agree with Obama’s insistence that new sanctions at this sensitive time would cause negotiations with Tehran to break down. “Under the proposal we’re considering those enhanced sanctions would only occur if a deal is not reached,” he said. “In other words it further incentivizes the Iranians to reach an agreement, because they know things could get considerably worse if they do not.” On Sunday Israel’s Ambassador to the US Ron Dermer also defended Netanyahu’s planned speech, saying it was the prime minister’s “sacred duty” to present his stance on Iran. Speaking at an Israel Bonds event in Florida, Dermer charged that the nuclear agreement being discussed between the P5+1 and Tehran “could endanger the very existence of the State of Israel,” by leaving Iran as a “nuclear threshold state.”
Source: Times of Israel. Before Trying to Fake Civilian Casualties, You May Want to Make Sure The Cameras A
hilarious-funeral Today's Most Watched Video
========================
Gentile sostenitore, la petizione indirizzata ai deputati del Parlamento europeo per dire NO al “diritto all’aborto” ha raccolto - in meno di 48 ore - oltre 4.000 adesioni. E’ una cifra importante ma ancora insufficiente. Anche se la risoluzione è passata in Commissione la guerra è tutt’altro che persa. Manca il voto decisivo del Parlamento, voto atteso per il mese prossimo che potrebbe rovesciare il risultato appena raggiunto.
Se hai già sottoscritto la petizione ti invito a condividere questa importante iniziativa con tutti i tuoi contatti, utilizzando i social network (Facebook, Twitter etc..) oltre all’e-mail personale. Se non hai ancora firmato fallo adesso! In una recente intervista l’eurodeputato socialista Tarabella, estensore della risoluzione pro aborto, ha dichiarato: “Per quanto riguarda i diritti sessuali e riproduttivi, questa relazione non è a favore o contro l'aborto. Si tratta di uguaglianza e di diritto di decidere, che è un diritto fondamentale” . Non ci lasceremo di certo ingannare da giri di parole per altro mal riusciti.
E’ evidente che l’intento finale è dichiarare l’aborto - e con esso la contraccezione - un diritto fondamentale e conseguentemente far pressioni sugli Stati membri, anche tramite sanzioni, perché inseriscano nelle proprie legislazioni provvedimenti ad hoc.
Insieme dobbiamo fare il sacrificio, da qui al giorno della votazione finale, di convincere più persone possibili a firmare, altrimenti, ad essere sacrificati, saranno milioni di esseri innocenti. Io non voglio avere questa responsabilità e tu? Clicca sul banner qui sotto e firma la petizione!
Un saluto cordiale, Samuele Maniscalco Responsabile Campagna Generazione Voglio Vivere Per sostenere l'impegno di Generazione Voglio Vivere
===========================
Breaking News - On the 70th anniversary of the liberation of Auschwitz, we remember. - CLICK if images do not display
World marks 70 years since Auschwitz’s liberation. auschwitz-drone. Click here to watch: World marks 70 years since Auschwitz’s liberation
KRAKOW – Holocaust survivors from around the world concentrated in the Polish city of Krakow on Monday in anticipation of a ceremony marking the 70th anniversary of the liberation of the Auschwitz concentration camp in nearby Oswiecim, in what will possibly be the last such gathering of the rapidly aging former prisoners. Survivors, journalists and heads of state are slated to make their way to what survivor Mordechai Ronen called “one of the biggest cemeteries in the world.” “I came to say a prayer for my father, mother and two sisters who went to the crematorium without being able to say good-bye,” he told The Jerusalem Post, his shoulders heaving as he sobbed. Ronen said he returned to Auschwitz to tell the world what happened here and that while he hopes that there will never be a recurrence, “today, unfortunately, there are those who denied it even happened.” His ability to relate his story, however, makes him a victor, Ronen added. The theme of remembrance and the responsibility to maintain a chain of memory was a major leitmotif Monday evening, as speaker after speaker addressed the gathered survivors at a hotel in downtown Krakow. The frailty of the returnees was underscored by the presence of medical teams circulating throughout the event. “You are witnesses. You serve as our eyes and memory to what happened here,” said World Jewish Congress president Ronald Lauder. The survivors, he asserted, represent the victory of light over darkness, and while those who were not part of the Holocaust cannot understand what its victims endured, “we do know [that] the way you lived your lives after you were liberated teaches us an important lesson in human dignity.” Recalling having learned to count through reading the numbers tattooed on the arms of survivors, filmmaker Steven Spielberg, whose USC Shoah Foundation-The Institute for Visual History and Education has collected over 50,000 videotaped survivor testimonials, explained that their stories are key in fighting against resurgent hate. “We are once again facing the perennial demons of intolerance” at the hands of “anti-Semites, extremists and religious fanatics” who want to strip you of your past story and identity again, he told the survivors. The best way to combat “growing efforts to banish Jews from Europe” is to “call on each other to do what the survivors have already done [and] to remember and not forget.... Ours is a just cause and we will make sure lessons of the past will remain with us in the present, and we will find humanitarian ways to fight inhumanity.” “It is painful to come back,” Israel Arbeiter told the Post. “It brings back bad memories.” Having survived Auschwitz when his entire family had been wiped out, he said that his experiences are “impossible to tell and impossible to believe,” but that he felt that coming here now was still of great importance.
Watch Here
Bringing so many aging survivors to Auschwitz at the same time represents “the closing of the slaughterhouses of the Jewish people,” he said. Baruch Gross, who was shipped to Auschwitz in 1944 as a 16-year-old, said that he felt that his presence at the camp would be “emotionally helpful,” but that coming here had brought up memories upon which he would normally not dwell. “It’s like opening a wound,” he said. Today there is a lack of knowledge and interest in what happened, he mourned. “I’m very disturbed by the fact. We should never forget what the Germans and other anti-Semites did to us. It is incumbent upon us to pass on the teachings and history of the Holocaust for later generations.” Both Lauder and officials of the Auschwitz-Birkenau State Museum stressed the importance of both preserving the survivors’ stories and the physical infrastructure of the camp itself. In a prerecorded video, famed novelist and Holocaust chronicler Eli Wiesel told those gathered that while he has never found answers to the question of “what made human beings so cruel to other human beings,” he knows that to forget or to distort cannot possibly be the solution. Speaking to reporters, Lauder questioned why the allied armies during the Second World War did not bomb the death camps and save countless lives. Keeping to the theme of indifference, Lauder asserted that the Nazis were emboldened in their treatment of the Jews by the silence with which the world greeted their actions on Kristallnacht. “We must ask ourselves, did we learn a lesson?” Lauder said, adding that while millions marched in France after the slaughter of the staff of satirical newspaper Charlie Hebdo and the murder of four Jews at a kosher supermarket, “had there been just the four Jews killed, there would have been no march and no reaction.” Lauder blasted the international community for standing by while Christians are being killed throughout the Middle East, comparing the situation to the 1940s. “What happened in Nazi Germany is that the world did not react, and once again we see the world not reacting,” he said, imploring the press to speak to the survivors and see their tears and hear their voices. “Auschwitz is more than a place. It’s a symbol of people’s indifference to what’s happening.” Meanwhile, the United Nations General Assembly to mark International Holocaust Remembrance Day has been canceled, along with all other New York UN events on Tuesday, in anticipation of a major blizzard that is expected to hit New York and the east coast of the United States. President Reuven Rivlin is in New York and had planned to address the UNGA on Tuesday.
Source: Jpost A Video that Must be Seen by All. Today's Most Watched Video
==================
 Corea del Nord: dopo Auschwitz non abbiamo forse detto “mai più”? Logo Porte Aperte 27 gennaio 2015 campo di birkenau     La rivista, di cui vedi l'immagine più sopra, è totalmente gratuita. Migliaia di persone in Italia la ricevono e seguono le storie, le testimonianze e i resoconti riguardo la persecuzione dei cristiani nel mondo. 5x1000Puoi destinare il 5 x 1000 delle imposte a Porte Aperte: è un gesto semplice, che non ti costa nulla, ma può fare la differenza per molti cristiani nel mondo. Le OFFERTE che avete fatto sono DEDUCIBILI nel vostro 730 o modello unico nei limiti prescritti dalla legge, un comodo supporto per coloro che ogni anno fanno la dichiarazione dei redditi, i quali potranno dunque detrarre dalle imposte parte delle erogazioni fatte a Porte Aperte. Ecco il nostro codice da apporre nella dichiarazione redditi: 90002330125. Corea del Nord: dopo Auschwitz non abbiamo forse detto "mai più”?
Sintesi: dopo 70 anni dalla liberazione di Auschwitz-Birkenau uomini e donne vengono ancora sterminati in campi di concentramento. Non avevamo detto che non sarebbe successo mai più? Il 27 gennaio 1945 avveniva la liberazione del campo di concentramento di Auschwitz in Polonia, una delle 3 strutture (Birkenau, Monowitz e appunto Auschwitz) di un complesso realizzato dai nazisti che poi servirà per lo sterminio sistematico di ebrei (e non solo). I superstiti (oltre che le documentazioni ufficiali) li descrivono come inferni in terra, sale operatorie del male, dove si partorivano malvagità inammissibili sotto forma di torture, mutilazioni ed esecuzioni. Uomini e donne, bambini e anziani venivano spogliati di ogni dignità e umanità. Identici racconti ci arrivano oggi dai sopravvissuti dei lager nordcoreani.
Vi sono vari tipi di campi e prigioni in Corea del Nord. Ogni tipo di violazione dei minimi diritti umani viene perpetrata in queste strutture. Vi sono le Colonie penali per prigionieri politici (kwan-li-so), le Strutture detentive a lungo termine (Kyo-Hwa-so), le Strutture penitenziarie di lavoro forzato (jip-kyul-so), le Brigate mobili di lavoro forzato (Ro-dong-dan-ryeon-dae) e i Centri di detenzione e interrogatorio (Ku-ryu-jang). Dentro queste strutture si esercita l'arte affinata del male assoluto. E dentro queste strutture si stima languano tra i 50.000 e i 70.000 cristiani nordcoreani, incarcerati a causa della loro fede in Gesù.
Questi campi dell'orrore esistono anche oggi: non avevamo detto che non sarebbe successo mai più?
Porte Aperte lavora in mezzo a questo inferno e vogliamo senza esitazioni chiedervi di sostenerci nel difficile compito di:
1) essere la voce di chi voce non ha: sono anni che denunciamo quanto sta accadendo in Corea del Nord e siamo felici che negli ultimi mesi il mondo stia aprendo gli occhi di fronte a questo orrore, ma c'è ancora tanto da fare; 2) sostenere migliaia di nordcoreani: Porte Aperte lo fa da tempo e in vari modi, tutti difficili e pericolosi a causa del regime nordcoreano.
Possiamo rimanere in silenzio mentre fratelli e sorelle vengono torturati e uccisi in questi campi? Radical: vivere una fede senza compromessi. Fatevi sfidare da questo appassionante libro capace di risvegliare la nostra fede! Nuovo libro"Quanto vale Gesù per te?” Si interroga il pastore David Platt, autore di Radical, un libro divenuto best seller negli Stati Uniti. "È facile per i cristiani di oggi dimenticare quello che Gesù ha detto sull'essere suoi seguaci e sui tratti che avrebbe dovuto assumere il loro nuovo stile di vita. Disse che per lui si sarebbero lasciati alle spalle sicurezza, denaro, comodità, perfino gli affetti familiari. Avrebbero rinunciato a tutto per il Vangelo e preso ogni giorno la loro croce… Ma conosci qualcuno che viva in questo modo? E tu?”.
Non perdetevi questo libro, una vera sfida alla nostra fede. Acquistabile dal nostro sito. Quanto vale Gesù per te?
È facile per i cristiani di oggi dimenticare quello che Gesù ha detto sull’essere suoi seguaci e sui tratti che avrebbe dovuto assumere il loro nuovo stile di vita. Disse che per lui si sarebbero lasciati alle spalle sicurezza, denaro, comodità, perfino gli affetti familiari. Avrebbero rinunciato a tutto per il Vangelo e preso ogni giorno la loro croce…
Ma conosci qualcuno che viva in questo modo? E tu?
In Radical David Platt ti sfida a considerare con cuore disposto come siamo arrivati a manipolare il Vangelo per adeguarlo alle nostre preferenze culturali. Egli espone quello che Gesù ha realmente detto sull’essere suoi discepoli; quindi ti invita a credere e a ubbidire a ciò che hai udito. E racconta la spettacolare storia di quello che accade quando una “florida” chiesa dei quartieri alti decide di prendere sul serio il Vangelo secondo Gesù.
Infine, David sprona ad unirti all’Esperimento Radicale, un viaggio di un anno nel discepolato autentico, che trasformerà il tuo stile di vita in un mondo che ha disperatamente bisogno della Buona Notizia che Gesù è venuto a portare.
Edito da CLC - 200 pagine, L'autore è David Platt
=========================
COREA DEL NORD. Corea del Nord: dopo Auschwitz non abbiamo forse detto “mai più”?
Dopo 70 anni dalla liberazione di Auschwitz-Birkenau uomini e donne vengono ancora sterminati in campi di concentramento. Non avevamo detto che non sarebbe successo mai più?
20-01-2015
Niger: dalle vignette all’odio anticristiano
10 persone sono morte in due giorni di violenze, di cui 3 cristiani. Secondo i nostri collaboratori in loco almeno 72 chiese sono state distrutte, insieme a 7 scuole cristiane, diversi negozi ...
13-01-2015 NIGERIA (NORD) Nigeria: l’estensione del califfato della morte
Boko Haram guadagna territorio per il suo califfato (più di Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia insieme), attraverso una serie di attacchi mai così atroci. Oltre 2000 vittime, tra le quali anche ... 06-01-2015
Guerra globale contro i cristiani
Domani mercoledì 7 gennaio 2015 ore 9:30 verrà pubblicata online nel nostro sito la nuova World Watch List, la lista dei primi 50 paesi dove esiste la persecuzione. Alcune anticipazioni in questo ...
30-12-2014
Celebrare la fedeltà di Dio
Il 2014 è stato un anno difficile per la Chiesa perseguitata. La persecuzione contro i cristiani è cresciuta, occupando i titoli principali dei media mondiali. La guerra civile in Siria, l’avanzata ...
23-12-2014SIRIA
Siria: al loro fianco
In Siria, grazie a voi, Porte Aperte c’è. Nel corso del 2014 circa 9.000 famiglie al mese sono state sostenute con beni di prima necessità. La qualità del nostro intervento deriva dal fatto che Porte ... 16-12-2014IRAN
Iran: due cristiani rilasciati!
Vi sono decine di cristiani nelle carceri iraniane a causa della loro fede. Ma oggi ci rallegriamo del rilascio di Reza e Abdolreza, che non dovranno scontare i 6 anni di reclusione comminati dalla ...
09-12-2014 COREA DEL NORD
Corea del Nord: non dimentichiamoli
Persiste il folle regime dei Kim. Sono migliaia i cristiani incarcerati. Porte Aperte aiuta sia nel paese che fuori. Vi chiediamo continue preghiere per questa difficile e pericolosa opera tra i ...
02-12-2014 NIGERIA (NORD) Nigeria: ragazze di Chibok usate come kamikaze?
L’escalation di attacchi e colonizzazione in atto nel nord della Nigeria continua senza sosta. Voci non confermate dicono che i Boko Haram starebbero utilizzando per gli attentati suicida alcune delle ...
25-11-2014 COLOMBIA
Colombia: 10 nuovi battezzati al centro per bambini
Nonostante la situazione rimanga piuttosto tesa fra governo e gruppi rivoluzionari armati e la persecuzione per i cristiani indigeni non accenni a diminuire, la notizia di 10 ragazzi battezzati nel ...
18-11-2014 IRAN Iran: arresti e condanne nell’era Rouhani
Vi aggiorniamo sulla situazione di alcuni cristiani iraniani arrestati. Continuiamo a pregare per la situazione in Iran e per le opposizioni che sperimenta la chiesa in questo paese. 11-11-2014IRAQ
Iraq: non c’è più futuro nella nostra terra
Voci direttamente dai campi profughi nel nord dell’Iraq ci presentano una situazione di immani difficoltà. Sempre più vedono la fuga come unica via d’uscita per un futuro.
=======================
Corea del Nord: dopo Auschwitz non abbiamo forse detto “mai più”? 27-01-2015 COREA DEL NORD. Dopo 70 anni dalla liberazione di Auschwitz-Birkenau uomini e donne vengono ancora sterminati in campi di concentramento. Non avevamo detto che non sarebbe successo mai più?
Il 27 gennaio 1945 avveniva la liberazione del campo di concentramento di Auschwitz in Polonia, una delle 3 strutture (Birkenau, Monowitz e appunto Auschwitz) di un complesso realizzato dai nazisti che poi servirà per lo sterminio sistematico di ebrei (e non solo). I superstiti (oltre che le documentazioni ufficiali) li descrivono come inferni in terra, sale operatorie del male, dove si partorivano malvagità inammissibili sotto forma di torture, mutilazioni ed esecuzioni. Uomini e donne, bambini e anziani venivano spogliati di ogni dignità e umanità. Identici racconti ci arrivano oggi dai sopravvissuti dei lager nordcoreani. Vi sono vari tipi di campi e prigioni in Corea del Nord. Ogni tipo di violazione dei minimi diritti umani viene perpetrata in queste strutture. Vi sono le Colonie penali per prigionieri politici (kwan-li-so), le Strutture detentive a lungo termine (Kyo-Hwa-so), le Strutture penitenziarie di lavoro forzato (jip-kyul-so), le Brigate mobili di lavoro forzato (Ro-dong-dan-ryeon-dae) e i Centri di detenzione e interrogatorio (Ku-ryu-jang). Dentro queste strutture si esercita l'arte affinata del male assoluto. E dentro queste strutture si stima languano tra i 50.000 e i 70.000 cristiani nordcoreani, incarcerati a causa della loro fede in Gesù.
Questi campi dell'orrore esistono anche oggi: non avevamo detto che non sarebbe successo mai più? Porte Aperte lavora in mezzo a questo inferno e vogliamo senza esitazioni chiedervi di sostenerci nel difficile compito di: 1) essere la voce di chi voce non ha: sono anni che denunciamo quanto sta accadendo in Corea del Nord e siamo felici che negli ultimi mesi il mondo stia aprendo gli occhi di fronte a questo orrore, ma c'è ancora tanto da fare;
2) sostenere migliaia di nordcoreani: Porte Aperte lo fa da tempo e in vari modi, tutti difficili e pericolosi a causa del regime nordcoreano.
Possiamo rimanere in silenzio mentre fratelli e sorelle vengono torturati e uccisi in questi campi?
=============================
Prime reazioni ufficiali dopo l'attacco rivendicato da Hezbollah al confine israeliano con il Libano. Preoccupazione tra gli analisti, che temono il precipitarsi degli eventi come nel 2006. Il ferimento di almeno quattro soldati per mano di Hezbollah, che rivendicato oggi l'attacco ad un convoglio israeliano avrà delle conseguenze. Sembra questa al momento l'unica certezza, dopo le notizie diffuse dall'emittente Al Jazeera, che ha dato la notizia parlando di un vero e proprio atto di guerra da parte delle milizie sciite libanesi, senza al momento precisare quante siano le vittime dell'attacco. L'esercito israeliano ha reagito al momento con una serie di colpi di mortaio fatti cadere in territorio libanese, al confine della cosiddetta Linea Blu di demarcazione dei confini con Israele. La tensione in realtà era alta già da dieci giorni: del 18 gennaio scorso infatti è la notizia di un raid aereo israeliano sulle alture del Golan, che aveva portato all'uccisione di sei esponenti di Hezbollah e di un comandante della Guardia Rivoluzionaria di Teheran. La reazione sciita non si era fatta attendere ed il 21 gennaio scorso un giovane palestinese aveva accoltellato dodici persone, seminando il panico su un treno di pendolari a Tel Aviv. Oggi la rappresaglia e la rivendicazione di Hezbollah, a cui ha dato immediata replica il premier israeliano Benjamin Netanyahu che ha convocato un vertice d'urgenza con le forze armate ed il ministro della Difesa della Stella di David. “A quanti cercano di sfidarci al confine nord – ha tuonato il premier israeliano - suggerisco di guardare a Gaza. Hamas ha subito là questa estate il colpo più duro dalla sua fondazione. Siamo pronti a reagire con forza”. Preoccupazione tra gli esperti di questioni mediorientali, che si dicono convinti che quella in atto sia l'inizio di una nuova guerra in Medio Oriente.
http://italian.ruvr.ru/news/2015_01_28/Israele-risponde-allattacco-di-Hezbollah-si-teme-lescalation-1716/
=====================
Donbass: la guerra non raccontata
Perché in Italia non si è parlato per mesi della guerra nel Donbass? Quanto si può tacere ancora di fronte a una simile strage? “I giornali sono sempre il riflesso della coscienza collettiva e politica. Quando la coscienza politica non c’è, anche i giornali non fanno il loro mestiere, cioè quello di raccontare e documentare”. Queste le parole di Domenico Quirico, inviato per La Stampa, che ha partecipato al dibattito de “La Voce della Russia”.
 Giulietto Chiesa: “La mia difesa della democrazia europea”
Giulietto Chiesa: “La mia difesa della democrazia europea”
Dopo i fatti di Tallinn del mese scorso, Giulietto Chiesa racconta in un’intervista a “La Voce della Russia” il suo recente viaggio in Estonia, accompagnato dall’operatore di Pandora TV, Adalberto Gianuario, e dalla senatrice italiana Paola De Pin. 1
 Dollaro contro euro, siamo alla resa dei conti
Dollaro contro euro, siamo alla resa dei conti
Il 2015 potrebbe segnare l’inizio di profondi rivolgimenti monetari con effetti economici planetari. I segnali in tale direzione non sono stati pochi. Soprattutto nelle economie emergenti, dove flussi repentini di capitali in entrata ed poi in uscita, si sono verificate pesanti svalutazioni. E’ stato l’effetto della grande liquidità creata dalla Federal Reserve negli Stati Uniti. Adesso nel ciclone potrebbero entrarci direttamente il dollaro e l’euro.
 Vauro Senesi: “Nel Donbass è in atto una pulizia etnica pianificata da Kiev”
Vauro Senesi: “Nel Donbass è in atto una pulizia etnica pianificata da Kiev”
Oggi in Italia si parla troppo poco del conflitto ucraino. Così poco che sembra che il problema sia stato risolto da solo. Comunque, per fortuna esistono ancora giornalisti che non si fidano solo delle fonti “ufficiali” e preferiscono vedere la realtà con gli occhi propri. Uno di loro è il famoso vignettista italiano Vauro Senesi che è appena rientrato da Sloviansk ed ha raccontato a “La Voce della Russia” del suo ultimo viaggio in Ucraina. 7
 Il crollo della borsa di Zurigo fa scricchiolare la BCE
Il crollo della borsa di Zurigo fa scricchiolare la BCE
Il continuo crollo della borsa in Svizzera per diversi decimali e per più giorni può aver colto di sorpresa ed essere rimasto inspiegabile a coloro che poco si occupano di economia. Qualcuno potrebbe anche considerarlo non così importante, visto il recupero dei giorni successivi.
======================
Durante la recente inaugurazione dell’anno giudiziario si è consumato lo psicodramma dello scontro tra Renzi e le toghe, queste ultime ree di avere sconfessato in pubblico la sua capacità di governare.
Il procuratore generale di Torino, Marcello Maddalena, ha dapprima compiuto un affondo all’arma bianca contro la soppressione di una settimana di ferie per la sua categoria: i l presidente del Consiglio non ha trovato niente di meglio che ispirarsi al personaggio di Napoleone della Fattoria degli animali di orwelliana memoria, che aveva scoperto per tutti i problemi della vita il grande rimedio: lavorare, anzi, far lavorare gli altri, di più. Fino a farli crepare di fatica. Sulla stessa lunghezza d’onda il presidente della Corte di Appello di Bologna, Giuliano Lucentini: Attribuire la lentezza della giustizia italiana alle ferie dei giudici è uno sconsolante accostamento. Infine ci ha pensato l’Associazione Nazionale Magistrati ha lanciare il vero e proprio guanto di sfida per le promesse mancate, la timidezza in materia di prescrizione e corruzione, la proposta, alla vigilia di Natale, di depenalizzare l'evasione fiscale fino al 3%.
Le critiche dei magistrati sono dettate dalla delusione per l’incoerenza tra parole e fatti che caratterizza l’attuale governo e la sua sordità verso le loro proposte per velocizzare e semplificare il sistema giudiziario.
E così il Presidente del Consiglio ha perso letteralmente la brocca, come sempre accade quando si sente attaccato: si è lanciato in un attacco frontale verso la magistratura con toni talmente sprezzanti da ricordare quelli che usava contro di essa Berlusconi. Ecco l’uscita di Renzi sui giudici: Hanno perso il contatto con la realtà. E su Facebook ha proseguito: Oggi di nuovo le contestazioni di alcuni magistrati che sfruttano iniziative istituzionali (anno giudiziario) per polemizzare contro il Governo. E mi dispiace molto perché penso che la grande maggioranza dei giudici italiani siano persone per bene, che dedicano la vita a un grande ideale e lo fanno con passione. Ma trovo ridicolo e lo dico, senza giri di parole, che se hai un mese e mezzo di ferie e ti viene chiesto di rinunciare a qualche giorno, la reazione sia: ‘Il premier ci vuol far crepare di lavoro’. Noi vogliamo solo sentenze rapide, giuste.E ha aggiunto: Bisogna anche valorizzare i giudici bravi, dicendo basta allo strapotere delle correnti che oggi sono più forti in magistratura che non nei partiti. A chi mi dice: ma sei matto a dire questa cose? Non hai paura delle vendette? Rispondo dicendo che in Italia nessun cittadino onesto deve avere paura dei magistrati. E i nostri giudici devono sapere che il Governo (nel rispetto dell’indipendenza della magistratura) è pronto a dare una mano.
In tutta questa vicenda quello che fa veramente male è vedere due poteri dello Stato lanciarsi strali senza esclusione di colpi, a una settimana dall’elezione del Presidente della Repubblica: in un ping pong di responsabilità sulle proprie mancanze, ben lontano da un clima utile per quella stagione di riforme tanto auspicata dall’Unione Europea. A perdere il contatto con la realtà non sono, come racconta Renzi, le toghe e il sistema giudiziario bensì l’intero vertice dirigente italiano. Di fronte a numeri impietosi come quelli della giustizia dovrebbero tacere tutti e preoccuparsi di migliorarli.
 Dal 2001, per effetto della legge Pinto, gli imputati hanno diritto a pretendere il risarcimento del danno patrimoniale causato dal dilatarsi dei tempi del giudizio: il conto dei soldi pagati dallo Stato è ammontato a 723 milioni. Ci sono poi anche i 35 milioni frutto delle quasi mille domande di risarcimento accolte nel 2014 per le ingiuste detenzioni: cittadini che sono stati portati in carcere e in seguito sono stati assolti o prosciolti. Dal 1991 lo Stato ha pagato 580 milioni risarcendo 23.226 cittadini.
E c’è la cronaca quotidiana. Come quella di Alessio Burtone, un giovane romano che nel 2010 ha ucciso con un pugno l'infermiera romena Maricica Hahaianu: dopo appena quattro anni è già tornato a piede libero. Oppure come quella di uno stalker arrestato la scorsa settimana a Genova. Il 27 gennaio del 2006 era stato condannato a sedici anni di reclusione per avere ucciso a coltellate la sua fidanzata. La pena prevista in questi casi è di 24 anni, ma l'uomo, avendo richiesto il rito abbreviato, ha potuto beneficiare della riduzione di un terzo della pena. In seguito la condanna è stata ulteriormente ridotta a 12 anni, poiché secondo i giudici nell'uccidere la sua compagna a coltellate "non ci fu crudeltà". Dopo soli otto anni di carcere, anche grazie al suo comportamento irreprensibile, l'omicida aveva ottenuto la libertà vigilata. Ora è di nuovo agli arresti.
Ecco, forse sarebbe bene che il premier e le toghe si incontrino e facciano delle riflessioni serie su casi come questi, affinché non si ripetano più, piuttosto che esercitarsi nell’arte dello scaricabarile, praticata in Italia ormai da troppi anni.
http://italian.ruvr.ru/2015_01_27/In-Italia-i-Poteri-hanno-perso-contatto-con-la-realta-0773/
Matvienko: usciremo dal Consiglio d’Europa, se alla Russia tolgono il diritto di voto 21:33
Ucraina: blogger contro le “menzogne” 20:35
Coldiretti, con Sanzioni in Russia già persi 1,25 miliardi di euro 19:22
L'educazione ambientale sarà presto materia obbligatoria nelle scuole 19:03
Donbass: combattimenti nei pressi di Donetsk 18:10
Tsipras: sul debito no a rottura con UE 18:07
Maxi retata contro la ndrangheta, arresti in tutta Italia 17:41
Stoccolma, prendono il via i Campionati europei di pattinagio di figura 17:09
Israele risponde all'attacco di Hezbollah, si teme l'escalation 16:30
ISIS, a breve scambio di prigionieri con la Giordania 16:08
=======================
26 gennaio, Giulietto Chiesa: “La mia difesa della democrazia europea”. Dopo i fatti di Tallinn del mese scorso, Giulietto Chiesa racconta in un’intervista a “La Voce della Russia” il suo recente viaggio in Estonia, accompagnato dall’operatore di Pandora TV, Adalberto Gianuario, e dalla senatrice italiana Paola De Pin.
Quali sono state le motivazioni che ti hanno spinto a recarti nuovamente in Estonia?
“In Estonia ci sono venuto perché quello che mi è accaduto in dicembre è un episodio emblematico e senza precedenti che mette in discussione i principi fondamentali dell’Europa. Il problema non riguardava soltanto me stesso e l’essere stato fermato, perquisito, gettato in camera di sicurezza e infine espulso, ma un principio giuridico valido per tutti i cittadini europei che devono essere liberi di muoversi sul territorio dell’Europa senza limitazioni. Questo è il principio della cittadinanza europea, un principio fondamentale dei diritti democratici sanciti dai trattati europei. Io ho voluto che venissse confermato questo principio e quindi ho deciso di ritornare in Estonia non appena fossi stato giuridicamente in condizione di farlo, e, nello stesso tempo, ho deciso di venire a vedere se mi avrebbero fermato una seconda volta e se mi avrebbero espulso. Ciò non è avvenuto e questo significa semplicemente che avevo ragione. In questo modo ho potuto affermare un principio. Ora si potrà continuare a discutere tranquillamente delle possibilità di attuazione dei principi.
C’è una seconda parte che io intendo portare avanti, cioè quella giuridica. Io esigo che le decisioni che mi hanno riguardato siano cancellate in quanto illegali e mi muoverò perché questo avvenga. Ho pertanto fatto il primo ricorso al Tribunale Amministrativo di Tallinn per chiedere l’annullamento della decisione precedente. Inoltre farò un secondo ricorso riguardante le offese che mi sono state mosse. Le accuse che hanno motivato una decisione illegale sono, a loro volta, non solo illegali ma costituiscono anche delle offese rivolte alla mia persona e alla mia professione. In particolare, sono stato accusato di avere sostenuto e incoraggiato il genocidio del popolo estone ma quest’affermazione dev’essere dimostrata. Personalmente la ritengo calunniosa oltre che indimostrabile. Per tale motivo agirò legalmente contro il governo estone per calunnia e diffamazione e lo farò difronte a un tribunale estone, anche per verificare fino a che punto le istituzioni giuridiche estoni lavorano corrispondentemente ai criteri di democrazia sanciti dalla costituzione europea. Il terzo passaggio per me inevitabile, nel caso in cui non saranno state presentate modifiche da parte delle istituzioni estoni, sarà quello di fare ricorso alla Corte Europea per i Diritti dell’Uomo di Strasburgo attraverso un esposto che raccoglie l’intera esperienza. Ritengo fortemente che questo è quello che bisogna fare perché si tratta di una questione che riguarda non me personalmente – come ho detto prima - ma la cittadinanza europea nel suo complesso. Quindi è necessario che anche l’Europa, attraverso la Corte Europea per i Diritti dell’Uomo di Strasburgo, si pronunci. In questo modo, mediante questi passaggi, anche burocratici, tutti potremo misurare la qualità della democrazia europea”.
 Secondo il portavoce del Ministero degli Interni estone, il tuo obiettivo sarebbe stata la ricerca di provocazione e di attenzione, mentre lo stesso Ministero in un comunicato pubblico e ufficiale ha dichiarato che reiterando il divieto d'ingresso (valido dal 13 dicembre 2014 al 13 gennaio 2015) avresti avuto la possibilità di violarlo nuovamente (in dicembre a Chiesa non era stato comunicato dalle autorità estoni il divieto d’ingresso come persona ‘non grata’ prima del suo arrivo). Ciò avrebbe arrecato allo stato estone un danno maggiore a quello provocato consentendoti di relazionare alla conferenza ‘Ma la Russia è nemica dell’Europa?’ Come giudichi queste dichiarazioni?
 “In primo luogo, quest’ultima dichiarazione è una critica esplicita nei confronti dell’autorità che mi ha impedito di fare la conferenza pechè loro stessi dicono che mi è stata offerta la migliore delle occasioni per tingere di nero lo stato estone. Non ho firmato io quel decreto e quindi risolvano da soli il problema. Personalmente, considero quest’affermazione un’autocritica delle istituzioni estoni. La comunicazione del portavoce del Ministero degli Interni, invece, è un’accusa di cui le stesse istituzioni si devono fare carico nei miei confronti, perché definire ‘provocazione’ una conferenza significa dire che questa conferenza non deve tenersi. Infatti, c’è una contraddizione. Se si ritiene che una conferenza è una provocazione allora si dovrebbe decidere e rendere pubblico il fatto che un’opinione è una provocazione. Io non sono e non ero sicuramente in grado di sovvertire l’ordine costituzionale dell’Estonia con una conferenza quindi ciò significa che si è messo in discussione il diritto di un cittadino europeo di esprimere il suo punto di vista pubblicamente in casa propria, perché, in base ai principi giuridici dell’Europa, l’Estonia è la mia casa, come lo è l’Italia, come lo è la Francia, come lo è qualunque parte della nuova configurazione statale che si chiama Europa. Perciò, se io non posso parlare neanche in casa mia, allora bisogna decidere chi è che ha il diritto di parlare. Siamo un po’ in una situazione simile a quella orwelliana.” Come mai la conferenza di venerdì scorso si è svolta nella città di Maardu invece che a Tallinn, come previsto dall’associazione culturale Impressum che ti ha invitato?
Le due conferenze - dallo stesso titolo - avrebbero dovuto svolgersi entrambe a Tallinn. La prima fu impedita in dicembre. La seconda non è stata impedita e tuttavia io presumo ci siano state o pressioni o intimidazioni più o meno dirette verso le strutture che dovevano ospitarla tant’è che due tra i più importanti alberghi della città di Tallinn, l’Hotel Radisson Blu Olympia, della catena Radisson, e l'Hotel Meriton e Viru - ringrazio comunque la sorte per avermi concesso un soggiorno in uno splendido hotel 5 stelle nel centro storico di Tallinn- hanno rifiutato e di dare la sala per la conferenza e addirittura di darci la camera per l’alloggio. Resta il fatto che questi alberghi e altre istituzioni politiche hanno rifiutato la sala perché temevano ripercussioni politiche, disordini e chissà quali cose. Il dato rilevante è che il rifiuto all’alloggio non è avvenuto solo a me, ma anche ai miei accompagnatori, Adalberto Gianuario, operatore di Pandora TV, e Paola De Pin, senatrice al Parlamento italiano, e quindi rappresentante delle istituzioni italiane. Così la conferenza si è svolta nella città di Maardu, situata a una ventina di chilometri da Tallinn, in una sala in cui non c’era la polizia nè contestatori, bensì un grande pubblico molto interessato a conoscere il mio punto di vista”.
 Infine, una domanda di stretta attualità politica. Come valuti la vittoria di Tsipras alle elezioni greche avvenuta ieri?
“Considero che la vittoria di Tsipras sia strepitosa. Si tratta di un grande evento perché per la prima volta mette un paese dell’Unione Europea nelle condizioni di avere un governo che apertamente contraddice la linea delle politiche dell’UE e ne chiede una modifica. Per la prima volta Bruxelles e la Troyka si troveranno di fronte un ostacolo serio alla loro aggressione contro i popoli europei. Questo è un cambiamento importantissimo e radicale che muta la prospettive dei prossimi anni. Bisognerà ora vedere tante cose, come l’Europa di Bruxelles risponderà a questa situazione, come riuscirà Tsipras a portarsi dietro l’opinione pubblica greca, come reagiranno gli altri paesi dell’Europa, perché questa vittoria di Syriza è una vittoria elettorale che modificherà anche una parte dell’opinione pubblica europea. Tutto questo è da vedere perché sono certo che Tsipras sarà sottoposto a una micidiale pressione affinchè non riesca a ottenere nulla o pochissimo e quindi perché si rivolti contro di lui una parte dell’opinione pubblica che lo ha votato. Non posso quindi prevedere che per Tsipras saranno anni lieti e facili; tuttavia ritengo che questa sarà una grande svolta con enormi influenze.
Ciò detto, ho letto molti commenti che sono apparsi in calce alla mia dichiarazione sulla pagina Facebook inerente alla vittoria di Tsipras e con grande stupore ho visto che la quantità delle persone che non capiscono quasi nulla di politica è molto alta, c’è come una specie di rigurgito e di sospetto nei confronti di Tsipras in persona e di quello che è accaduto in questi due giorni di elezioni. Io ritengo che, da un lato, ciò sia una gigantesca illusione di una parte degli europei che non capiscono quello che sta accadendo e, d’altra parte, che questo è l’inizio dell’attacco contro Tsipras. In questi commenti si vede già la mano di un’operazione che punta a coprire d’insulti, di sospetti, di fastidio quello che sta facendo Tsipras. E’ l’inizio dell’attacco. Già so perfettamente che Tsipras sarà sottoposto a un fondamentale, sistematico, multilaterale attacco per demolirlo. E’ quello che accade negli interessi dei potenti europei che non vogliono ci sia nessun cambiamento. Proviamo a immaginare cosa stanno pensando e facendo al centro del Potere mondiale, a Washington, alla City of London, quelli di Goldmans Sachs e compagnia dominante. Cominceranno i ricatti, le minacce, gli sgambetti.
Per questa ragione io sto in questo momento dalla parte di Tsipras senza nessuna esitazione”.
Europa, Estonia, Giulietto Chiesa, Attualita' #roberto 27 gennaio 2015, 12:50
concordo pinamente con il giornalista su tutto, inoltre a rigor di logica spero che la pressione per demolire TZIPRAS non si aggiunga anche forme di minaccie alla sua incolumita fisica , visto che il centro del potere mondiale non disdegna anche usare metodi coercitivi e definitivi per radrizzare la strada, la storia ne e piena.Comunque speriamo in DIO,che questo non avvenga.
http://italian.ruvr.ru/2015_01_26/282458764/
=======================
Ucraina: blogger contro le “menzogne”. Il Ministro dell’Informazione dell’Ucraina Yuri Stez ha dichiarato che il suo paese avrà un “esercito online”. Secondo il ministro, verrà creato un pool di blogger incaricato di diffondere la verità sulla situazione nel sud-est del paese contro le menzogne che vengono spacciate. Stez non ha detto quante persone saranno addette a questa attività, ma ha rilevato che “più numeroso sarà il gruppo e meglio sarà”.
Ieri i deputati della Rada Suprema hanno proposto di sospendere l’accreditamento dei giornalisti russi nel territorio ucaino. Il divieto potrebbe riguardare anche il personale tecnico degli uffici dei media russi in Ucraina. http://italian.ruvr.ru/news/2015_01_28/282518155/
=======================
Donbass: combattimenti nei pressi di Donetsk. A Peski, villaggio in periferia Nord-Ovest di Donetsk, hanno avuto luogo dei tra le milizie e le forze ucraine. Le parti usano armi automatiche e mitragliatrici. miliziani stanno cercando di espellere i militari di Kiev dalle loro postazioni. Entrambe le parti stanno usando l’artiglieria. I miliziani stanno bombardando le postazioni ucraine, l’artiglieria ucraina spara dal villaggio Opytnoe, dove è dislocata.
In precedenza il portavoce dello Stato maggiore dell’autoproclamata Repubblica popopolare di Donetsk, Eduard Basurin, ha informato che in questo momento nessuna delle parti ha il pieno controllo di Peski, né dei sobborghi di Marjinka e Avdeevka, pertanto i combattimenti per questi centri abitati continuano.
http://italian.ruvr.ru/news/2015_01_28/Donbass-combattimenti-nei-pressi-di-Donetsk-7009/
USA SATANA... LASCIA STARE QUEL RAGAZZO! LA GIORDANIA DEVE SALVARE IL SUO PILOTA! Pilota giordano rapito dall'Isis. Amman: "Liberatelo".
Mio Dio vi benedica. Non capisco cosa intendi, perdono; Sei quale chiesa? Sei italiano o israeliano?... che Gesù è con te? [[RISPOSTA]] Gesù è il mio re Messia... Io sono insegnante di italiano Accolite: della religione cattolica... sono Unius REI, il re d'Israele: lorenzoJHWH e il mahdì reale: lorenzoAllah: è per questo, sono fratellanza universale: naturale e: legge universale... io sono il Regno di: Dio JHWH: in modalità politico, io sono la vita del mondo: la metaphisic: Re: dei re e Signore dei signori
Dios te bendiga. No entiendo lo que quieres decir, perdón; ¿es lo que la iglesia? ¿Eres italiano o israelí?... que Jesús está contigo? [[RESPUESTA]] Jesús es mi Rey Mesías... Soy profesora de Italiano Accolite: de la religión católica. Soy Unius REI, el rey de Israel: lorenzoJHWH y el real mahdì: lorenzoAllah: por eso, soy la fraternidad universal: natural y: ley universal... yo soy el Reino de: Dios JHWH: en modo político, yo soy la vida del mundo: el metaphisic: Rey: de Reyes y señor de señores
Mon Dieu vous bénisse. Je ne comprends pas ce que vous entendez, pardon ; vous êtes à quelle église ? vous êtes italien ou l'israélien?... que Jésus est avec vous ? [[RÉPONSE]] Jésus est mon roi Messie... Je suis professeur d'italien Accolite : de la Religion catholique... Je suis Unius REI, le roi d'Israël : lorenzoJHWH et, le véritable mahdì : lorenzoAllah : est pourquoi, je suis fraternité universelle : le naturel et : loi universelle... je suis le Royaume de : Dieu JHWH : en mode politique, je suis la vie du monde : la metaphisic : roi : des rois et Seigneur des seigneurs
Benim Tanrı sizi korusun. Ne demek, anlıyor musun bağışla; Sen hangi kilise? Sen İtalyan veya İsrail?... bu İsa mı? [[CEVAP]] Benim kral Mesih İsa olduğunu... Accolite İtalyan öğretmenim: Katolik din... Unius REI, İsrail kralı olduğumu: lorenzoJHWH ve gerçek mahdì: lorenzoAllah: yüzden, evrensel kardeşlik olduğumu: doğal ve: evrensel hukuk olduğumu Krallığı: Tanrı'nın JHWH: siyasi modunda olduğumu hayatların: metaphisic: Kral: krallar ve Lord Lordlar
My god bless you. I do not understand what you mean, pardon; you are what church? you're Italian or Israeli?.....that jesus is with you? [[ ANSWER ]] Jesus is my King Messiah .. I am Accolite italian teacher: of Catholic Religion.. i am Unius REI, the king of Israel: lorenzoJHWH, and, THE real mahdì: lorenzoAllah: is why, i am universal brotherhood: the natural and: universal law... i am the kingdom of: God JHWH: in political mode, i am the life of world: the metaphisic: King: of Kings and Lord of Lords
Meu Deus te abençoe. Eu não entendo o que quer dizer, perdão; Você está em qual igreja? Você é italiano ou israelita?... que jesus está com você? [[RESPOSTA]] Jesus é meu rei Messias... Sou professora de italiano Accolite: da religião católica... Sou Unius REI, o rei de Israel: lorenzoJHWH e, a mahdì real: lorenzoAllah: é por isso que, eu sou a fraternidade universal: natural e: lei universal... eu sou o Reino de: Deus JHWH: no modo político, eu sou a vida do mundo: o metaphisic: rei: dos reis e Senhor dos senhores
tout ce qui est dans les cieux, sur terre et dans le désespoir et la destruction de l'enfer, tout : m'est venue : est pourquoi, est tiré par la splendeur : de ma gloire, sagesse, miséricorde, la justice et de vérité. . Je suis la plus élevée de la justice politique : qui : plus jamais : pourrait apparaître sur cette planète ! en moi : il n'y a aucune distinction : parmi : hommes, comme : parmi : les anges, sont tout de même : pour moi : sont tous frères : l'égalité des droits : et : égalité des obligations pour tous : parce que : J'ai une loi seulement : c'est l'amour !
all that is in heaven, on Earth and in despair and destruction of hell, everything: came to me: is why, is pulled by the splendor: of my glory, wisdom, mercy, justice, and truth. . I am the highest political justice: that: never again: could appear on this planet! in me: there is no distinction: among: men, as: among: the angels, are all the same: for me: are all brothers: equal rights: and: equal obligations for all: because: I have a law only: that is love!
todo lo que está en el cielo en la tierra y en la desesperación y la destrucción del infierno, todo: vino a mí: por eso, es tirado por el esplendor: de mi gloria, sabiduría, misericordia, justicia y verdad. . Yo soy la mayor justicia política: que: nunca más: puede aparecer en este planeta! en mí: no hay distinción: entre: los hombres, como: entre: los Ángeles, son todos iguales: para mí: son todos hermanos: igualdad de derechos: y: iguales obligaciones para todos: porque: tengo una ley solo: eso es amor!
Tudo o que está no céu, na terra e no desespero e destruição do inferno, tudo: veio a mim: por isso, é puxado pelo esplendor: da minha glória, sabedoria, misericórdia, justiça e verdade. . Eu sou a maior justiça política: que: nunca mais: poderia aparecer neste planeta! em mim: não há nenhuma distinção: entre: homens, como: entre: os anjos, são todos iguais: para mim: são todos irmãos: igualdade de direitos: e: igualdade de obrigações para todos: porque: Eu tenho apenas uma lei: isso é amor!
all that is in heaven, on Earth and in despair and destruction of hell, everything: came to me: is why, is pulled by the splendor: of my glory, wisdom, mercy, justice, and truth. . I am the highest political justice: that: never again: could appear on this planet! in me: there is no distinction: among: men, as: among: the angels, are all the same: for me: are all brothers: equal rights: and: equal obligations for all: because: I have a law only: that is love!
tutto quello che è in cielo, in terra e nella disperazione e distruzione dell'inferno, tutto viene attirato dallo splendore: della mia gloria, sapienza, misericordia, giustizia, e verità.. . io sono la più alta giustizia politica: che mai più potrebbe apparire su questo pianeta! in me non c'è distinzione tra gli uomini, come tra gli angeli, sono tutti uguali per me: sono tutti fratelli: uguali diritti ed uguali doveri per tutti: perché io ho una legge soltanto: l'amore!
===================================
FACEBOOK COSA è QUESTO BULLISMO NELLA MIA CHAT? ] San Fracisco de Asis ha rimosso Antoine Ascher dalla conversazione.
San Fracisco de Asis ha rimosso Danza Juan Diego Lakeland dalla conversazione.
San Fracisco de Asis ha rimosso Juan Jacinto dalla conversazione.
San Fracisco de Asis ha rimosso Parroquia De San Juan Bautista Amecameca dalla conversazione.
San Fracisco de Asis ha rimosso Templo San Juan de Dios dalla conversazione.
San Fracisco de Asis ha rimosso Parroquia San Juan Bautista Sjr dalla conversazione.
San Fracisco de Asis ti ha rimosso dalla conversazione.
FACEBOOK tu non ti montare troppo la testa, perché, io: UNIUS REI, e Rothschild (NEL SUO PATETICO TENTATIVO DI FERMARMI) noi abbiamo trasformato quel coglione di un satanista: di youtube, in un idiota che: tu dentro: quasi non ci puoi più parlare... dopotutto, lo sanno tutti che, satana è un perdente!
=================================
USA SATANA... LASCIA STARE QUEL RAGAZZO! LA GIORDANIA DEVE SALVARE IL SUO PILOTA! Pilota giordano rapito dall'Isis. Amman: "Liberatelo"
=============================
Gorbaciov: guerra fredda c'è già, può diventare conflitto reale. Da Bea | TMNews – 2 ore 27 minuti fa. [Gorbaciov: guerra fredda c'è già, può diventare conflitto reale] Gorbaciov: guerra fredda c'è già, può diventare conflitto reale. Mosca, 29 gen. (askanews) - Gli Stati uniti hanno trascinato la Russia in una nuova guerra fredda ed è possibile che le tensioni si acuiscano fino a sfociare in un conflitto armato. Lo ha detto all'agenzia Interfax l'ex presidente dell'Urss Mikhail Gorbaciov. "Oggi, vediamo sanzioni contro la Russia sia dall'America sia dall'Unione Europea. Hanno perso del tutto la testa?" L'America ha "perso del tutto la strada nella giungla e ci sta trascinando", ha detto l'ex leader della perestroika.
"E se bisogna chiamare le cose con il loro nome, ci ha già trascinati in una guerra fredda, tentando di realizzare la sua idea di dominio. E dove ci condurrà tutto questo? La guerra fredda è già in corso. E poi? Sfortunatamente non posso dire che la guerra fredda non si trasformi in una guerra vera. Possono assumersi il rischio, temo" ha detto Gorbaciov. Sante • 22 minuti fa Segnalazione di abusi

Ma chi sono questi Americani che propongono sanzioni contro altri paesi... (in questo caso la Russia) ? ma da quale pulpito viene la predica? si dimenticano loro quello che hanno fatto in America Latina... Cile, Nicaragua, Argentina ecc ecc..... e noi Europei, non abbiamo mai alzato manco un dito, nemmeno una minima accusa..... li abbiamo lasciati fare.....e adesso questi maledetti decretano l'embargo verso la Russia e noi pecoroni li assecondiamo.... Ma sapete cosa succederebbe in Europa, se un giorno la Russia si incavola e chiude i rubinetti del gas? certo agli Americani, non gliene fregherebbe una mazza, ma noi? noi In Europa dipendiamo quasi al 70% del gas Russo.....

Alessandro • Gorbaciov ha ragione. Magari se l'Europa cominciasse ad avere una sua politica indipendente da quella americana sarebbe già un primo passo..
 poi non capisco sto accanimento verso la Russia. quando il Kosovo si è staccato dalla Serbia era "indipendenza di un popolo oppresso tutelata dal santo (+ ipocrita e perbenista) occidente" e avanti coi bombardamenti sulla Serbia... stessa cosa avviene in Ucraina e ci sono le sanzioni alla Russia... mah?!

 GIANLUCA Quelli che governano veramente gli USA e quindi l'occidente sono i Rockefellers e i Rothschilds, e QUINDI, Obama e Renzi sono solo pupazzi. Leggete "Cruel hoax" di Makow. Sono loro i responsabili della troika, delle adozioni trans ( ci arriveremo ). e della misandria globale. Femminismo e Gender, sono solo due ideologie imposte dall'elite con precisi scopi, politici: per esempio mentre i nazisti di Kiev, organizzavano il colpo di stato in Ucraina negli stessi giorni riot, femen e luxurie varie, si recavano a Sochi a fare propaganda anti Putin. Quello che fanno è inaccettabile perchè violentano i bambini: le adozioni gay sono una forma di pedofilia di massa! Vanno fermati subito in quanto: sono dei pazzi furiosi malati mentali e vanno condannati per crimini contro l'umanità.
========================
LA POLONIA è UNA DI QUELLE NAZIONI CHE, è COMPLETAMENTE CONTROLLATA DAI SATANISTI MASSONI BILDENBERG ILLUMINATI ROTHSCHILD, DELLA NATO 666 CIA, ED HANNO IL COMPINTO DI SPINGERCI NELLA GUERRA MONDIALE NUCLEARE, CONTRO, LA RUSSIA, PER REALIZZARE IL GENOCIDIO DI TUTTI GLI ISRAELIANI! Fermati e poi rilasciati ad Auschwitz Pacifici e Parenzo. Anche troupe di Matrix bloccata all'interno del campo nazista. David Parenzo e Riccardo Pacifici a Ciampino FOTO FABRIZIO FINZI 29 gennaio 2015. E' stata risolta la vicenda di Riccardo Pacifici, presidente della Comunità ebraica di Roma, e David Parenzo, inviato di Matrix, che erano stati fermati questa notte ad Auschwitz per diverse ore. Il fermo, che ha riguardato anche altre tre persone della troupe di Matrix, è stata risolto - secondo quanto appreso - con l'intervento dell'ambasciata d'Italia e della Farnesina.
La vicenda - Pacifici e Parenzo erano stati fermati nella notte ad Auschwitz. Anche la troupe di Matrix, altre tre persone, era stata messa in stato di fermo. I cinque, dopo un collegamento in diretta da Auschwitz, si sono trovati bloccati all'interno del campo e non ricevendo alcun aiuto hanno aperto una finestra. Scattato l'allarme, sono stati fermati dalla polizia criminale polacca.
Pacifici e Parenzo, che avevano l'autorizzazione per collegarsi in diretta dal campo di Auschwitz, sono stati poi portati nel commissariato locale, insieme a Fabio Perugia, portavoce della Comunità ebraica di Roma, Gaetano Mazzarella e Matteo Raimondi, della troupe di Matrix. E' dovuto intervenire il consolato, l'ambasciata ed anche l'unità di crisi della Farnesina per risolvere una vicenda dai contorni surreali. Pacifici e Parenzo hanno definito la vicenda kafkiana. "Certamente non si tratta di un'azione antisemita ma piuttosto - ha spiegato Pacifici all'ANSA - di una falla nel campo. Chiaramente la struttura non è protetta, come dimostrano le finestre aperte". I cinque italiani sono stati di fatto accusati di effrazione ma stanno già facendo rientro a Roma dopo la brutta nottata. "Non è stato un episodio piacevole - ha detto ancora Pacifici - anche perché, accaduto nel luogo in cui sono morti mio nonno e mia nonna. Mi ha dato fastidio emotivamente tanto che ho detto ai poliziotti: 'O mi arrestate, o mi lasciate libero, perché sono profondamente turbato'. Una storia surreale". Sulla stessa lunghezza d'onda David Parenzo che ha mostrato le autorizzazioni per girare in diretta dall'interno del campo nel quale sono poi rimasti chiusi per ore, a partire dalle 23. ] LA NATO 322 BUSH CIA: 666 SPA FMI, I SATANISTI MASSONI BILDENBERG HANNO REALIZZATO IN KOSOVO CON LA INTERNAZIONALE ISLAMICA: IL GENOCIDIO DI TUTTI I CRISTIANI, ED I MEDIA MASSONICI: NON HANNO DETTO NIENTE.. E QUESTO, LA DICE LUNGA, CIRCA, LA AGENDA DEL TALMUD NWO FMI ILLUMINATI ROTHSCHILD.. DI CHE BRUTTA MORTE: DEVE MORIRE: LA EUROPA ED ISRAELE, NELLA AGENDA DEL TALMUD NWO, CI FARANNO AMMAZZARE CONTRO: CINA E RUSSIA CHE: PROPRIO LORO SONO I NOSTRI VERI AMICI!! [ Gorbaciov: guerra fredda c'è già, può diventare conflitto reale. [Gorbaciov: guerra fredda c'è già, può diventare conflitto reale] Gorbaciov: guerra fredda c'è già, può diventare conflitto reale. Mosca, 29 gen. (askanews) - Gli Stati uniti hanno trascinato la Russia in una nuova guerra fredda ed è possibile che le tensioni si acuiscano fino a sfociare in un conflitto armato. Lo ha detto all'agenzia Interfax l'ex presidente dell'Urss Mikhail Gorbaciov. "Oggi, vediamo sanzioni contro la Russia sia dall'America sia dall'Unione Europea. Hanno perso del tutto la testa?" L'America ha "perso del tutto la strada nella giungla e ci sta trascinando", ha detto l'ex leader della perestroika. "E se bisogna chiamare le cose con il loro nome, ci ha già trascinati in una guerra fredda, tentando di realizzare la sua idea di dominio. E dove ci condurrà tutto questo? La guerra fredda è già in corso. E poi? Sfortunatamente non posso dire che la guerra fredda non si trasformi in una guerra vera. Possono assumersi il rischio, temo" ha detto Gorbaciov. Sante •  =========================
TORINO, 29 GEN - Società edilizie, immobili, conti correnti, auto, polizze vita e buoni postali per un valore di 6 milioni di euro sono stati confiscati a Salvatore Demasi detto Giorgio, ritenuto il capo indiscusso del 'locale' di 'ndrangheta di Rivoli, nel Torinese. Lo ha reso noto la Direzione Investigativa Antimafia, precisando di aver eseguito il decreto emesso dal tribunale nei confronti del boss 71enne. Demasi è in carcere per una condanna a 14 anni per associazione per delinquere di stampo mafioso.
===========================
QUANDO GLI STATI SONO IMPEGNATI A RUBARE: 1. IL SIGNORAGGIO BANCARIO: 2. DEBITO PUBBLICO, 3. RISERVA FRAZIONARIA: PER UN COSTO DEL DENARO PARI AL 270%, DAI LORO POPOLI SCHIAVIZZATI, DAL SISTEMA BANCARIO SPA, POI, NON è POSSIBILE AVERE LE RISORSE E LE INTESE, TRA I GOVERNI, PER POTER FERMARE I TRUFFATORI DI POVERE INNOCENTI INGENUE PERSONE IN PAKISTAN: ED IN NESSUNA PARTE DEL MONDO.. ECCO PERCHé, IL CRIMINE LA MALVAGITà E IL SATANISMO MASSONICO SONO L'ANIMA DELLE NOSTRE ISTITUZIONI MASSONICHE [ IO VI HO MALEDETTI TUTTI SULLA BOCCA DELL'INFERNO, E POICHé VI AVETE TRAMATO CONTRO IL GENERE UMANO CON LA GUERRA MONDIALE.. IO NELLA VOSTRA GUERRA MONDIALE VI STO ASPETTANDO.. CERTO NESSUNO DI QUESTA GENERAZIONE PERVERTITA DEMONICA DI MASSONI BILDENBERG: DALEMA VELTRONI PRODI, SALAFITI FARISEI MERKEL GLOBALISTI NWO: L'ANTICRISTO: SOPRAVVIVERà!! ] oggetto: COME mail2kenny.com e gmail.com possono essere mail istituzionali DEL CANADA? The postal police of Bari, where I went this morning , can not ask for a international rogatory to investigate an alleged scam : ( there is no the crime of alleged fraud ) and can not intervene to protect a citizen of Pakistan : that he sent money to a friend of Dubai , with western union from Which this money was sent to South Africa , where a Presumed Bishop Titus ( in Canada ). but there is can not be a Catholic Bishop Who has only in name! That HE is committed to name of his sister of Canada , who runs a hotel to give the job to the Pakistani national ! ... But , at the same time , refuses to assist, support economically, this bureaucratic process .. That threat indeed the money needed for the visa and for the security deposit ( requested by Canada ) will be lost before a Given dates ! I helped economically this Pakistanis with 250 euro .. and I feel morally injured party .. also, I have not encountered any criterion of authenticity about These alleged institutional email ****@mail2kenny.com ****@gmail.com la polizia postale di Bari dove questa mattina mi sono recato, non può chiedere una rogatoria internazionale per indagare una presunta truffa:(non esiste il reato di presunta truffa) e non può intervenire a tutela di un cittadino pakistano: che ha mandato del denaro ad un amico di Dubai, da cui con: "western union" questo denaro è stato mandato in Sudafrica, dove un Presunto Bishop Titus(in Canada) ma non esiste un Vescovo Cattolico che abbia solo in nome! che, LUI si impegna nome di una sorella del Canada, che gestisce un albergo a dare il lavoro al cittadino pakistano! ... ma, che al contempo, si rifiuta di assistere, sostenere economicamente, questo iter burocratico.. anzi minaccia che i soldi necessari per il visto e per il deposito cauzionale(richiesto dal Canada) andranno persi entro una data determinata! io ho aiutato economicamente questo Pakistano con 250 euro, .. e io mi sento moralmente parte lesa.. inoltre, io non ho riscontrato nessun criterio di autenticità circa queste presunte mail istituzionali: alla cortese attenzione di: segreteria.islamabad**** non voglio intasare la vostra mail con tutti i documenti in mio possesso... ma, vi prego di darmi una risposta ... I will not clog your email with all the documents in my possession ... but , please give me an answer.. *** 29/gennaio/2015 from CRIMINAL*** > Date: Thursday, January 29, 2015, 7:06 AM > On, > wrote: Hello, > the information we receive from Canada Pakistan > Embassy is that your > documents has not been > delivered to your home address because you have > not deposit your PTA fee, and again that your > traveling documents will > soon be cancel, > kindly deposit your POCKET TRAVELLING ARRIVAL FEE that > is the only thing you have to do and if you > arrive here in canada your > money will be > given back to you
==============================
QUANDO GLI STATI SONO IMPEGNATI A RUBARE: 1. IL SIGNORAGGIO BANCARIO: 2. DEBITO PUBBLICO, 3. RISERVA FRAZIONARIA: PER UN COSTO DEL DENARO PARI AL 270%, DAI LORO POPOLI SCHIAVIZZATI, DAL SISTEMA BANCARIO SPA, POI, NON è POSSIBILE AVERE LE RISORSE E LE INTESE, TRA I GOVERNI, PER POTER FERMARE I TRUFFATORI DI POVERE INNOCENTI INGENUE PERSONE IN PAKISTAN: ED IN NESSUNA PARTE DEL MONDO.. ECCO PERCHé, IL CRIMINE LA MALVAGITà E IL SATANISMO MASSONICO SONO L'ANIMA DELLE NOSTRE ISTITUZIONI MASSONICHE [ IO VI HO MALEDETTI TUTTI SULLA BOCCA DELL'INFERNO, E POICHé VoI AVETE TRAMATO CONTRO, IL GENERE UMANO CON LA GUERRA MONDIALE.. IO NELLA VOSTRA GUERRA MONDIALE VI STO ASPETTANDO.. CERTO, NESSUNO, DI QUESTA GENERAZIONE PERVERTITA DEMONICA DI MASSONI BILDENBERG: DALEMA VELTRONI PRODI, SALAFITI FARISEI MERKEL GLOBALISTI NWO: L'ANTICRISTO: SOPRAVVIVERà!! ] CATANIA, 29 GEN - Avviso ai "signori ladri che spesso vengono a trovarci": siete "pregati di accertarvi dell' eventuale presenza di bambini" nella tabaccheria, perché l'ultima volta c'era "mio figlio di 8 anni che da allora si sveglia tutte le notti piangendo perché ha paura". E' il cartello esposto davanti a una rivendita di Paternò, nel Catanese, dal titolare dell'esercizio che ha subito l'ennesima rapina a mano armata 5 giorni fa.
https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2015/01/29/avviso-ai-ladri-state-attenti-ai-bimbi_5a68438f-f34a-4dee-bdf0-ba868424644f.html
=================================
L'ORRORE ISLAMICO: COMMERCIANTI DI SCHIAVI MAOMETTANI LEGALIZZATI DALLA LEGA ARABA ONU, CONTRO I CRISTIANI DHIMMI, TRAFFICO DI ORGANI UMANI E CRISTIANI SCHIAVI.. QUESTO VERAMENTE: è OLTRE OGNI ORRORE, OLTRE OGNI FILM DELL'ORRERE.. ANCHE QUESTO è MAOMETTO!
I corpi decapitati di tre uomini sono stati trovati in un villaggio nel nord del Sinai, in Egitto, dove è attivo il gruppo jihadista Ansar Beit Al Maqdis alleato dell'Isis. Lo riferiscono media egiziani citando fonti della sicurezza. Una delle tre vittime, trovate vicino a Sheikh Zuweid, si chiamava Mohamed Ali, rapito pochi giorni fa.
Il gruppo dei 'Partigiani di Gerusalemme' è basato nella penisola e di recente si è ribattezzato 'Stato del Sinai' nel quadro dell'alleanza con l'Isis. Gli Ansar avevano diffuso un video con decapitazioni in stile-Isis di beduini accusati di collaborare "con Israele" e lunedì era stata mostrata in video la decapitazione di un ufficiale di polizia. Il sito Youm7 ha contato 19 decapitazioni compiute dagli Ansar tra il 2013 e quest'anno, nove delle quali eseguite nel 2014 e otto solo questo mese.
https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/mediooriente/2015/01/29/isis-trovati-tre-corpi-decapitati-nel-nord-sinai_d51d6f8c-0001-49b1-8ee5-bdd781cce5f9.html
===========================
Il pellegrinaggio della Croce e dell'Icona in Spagna. Papa Giovanni Paolo II, all’inizio dell’Anno Santo straordinario della Redenzione, celebrato tra il 1983 e il 1984, decise di porre nella Basilica di S. Pietro una grande croce di legno alta quasi quattro metri, in modo che tutti potessero vederla.
Al termine di quell’anno commemorativo, il Papa consegnò la croce a tutti i giovani del mondo, rappresentati da una delegazione del Centro internazionale San Lorenzo, dicendo: «Cari giovani, alla chiusura dell’Anno Santo vi affido il segno di quest’Anno Giubilare: la Croce di Cristo! Portatela per il mondo come segno dell’amore del Signore Gesù nei confronti dell’umanità e annunciate a tutti che la salvezza e la redenzione esistono solo in Cristo morto e resuscitato» (Roma, 22 Aprile 1984). I giovani accolsero il desiderio del Santo Padre: da allora, portarono la Croce con sé in innumerevoli pellegrinaggi e in tutte le GMG. Il Centro internazionale giovanile San Lorenzo è la sua abituale dimora durante i periodi in cui non è in viaggio per il mondo. Nel 2003, alla fine della Messa delle Palme, Giovanni Paolo II volle regalare ai giovani anche una copia dell’icona di Maria Salus Populi Romani (la cui versione originale è custodita nella Basilica di Santa Maria la Maggiore a Roma), affinché li accompagnasse nei loro pellegrinaggi. E dunque anche quest’anno il raduno dei giovani di tutto il mondo a Madrid è preceduto dal pellegrinaggio della Croce e dell’Icona, che proprio da Madrid hanno iniziato il loro cammino spagnolo per infiammare i cuori e predisporli all’incontro con il Signore. Uno dei primi luoghi visitati dalla Croce a Madrid è stato il carcere di Soto del Real, dove ha suscitato tra i detenuti forti emozioni e speranze. Poi, a partire dalle diocesi di Getafe e Alcalá de Hernares, la Croce e l’Icona stanno percorrendo ancora oggi – e continueranno a percorrere fino a pochi giorni prima della GMG – le 69 diocesi spagnole, ognuna delle quali ha organizzato per l’occasione celebrazioni ed eventi. Una delle tappe più suggestive del pellegrinaggio è stata quella sull’isola di Tenerife, la più grande delle Isole Canarie, l’arcipelago che costituisce una delle diciassette Comunità autonome della Spagna, dove si trova il terzo più grande vulcano della Terra. Il racconto di alcuni pellegrini che erano presenti nella piazza di San Pietro nel 1984, il giorno stesso in cui Giovanni Paolo II ha donato ai giovani la Croce, è stato il momento più emozionante delle celebrazioni, proseguite per tutte le isole delle Canarie con manifestazioni popolari di gioia. «Ricordo quel momento come uno di quelli che hanno segnato la mia vita», ha detto uno di questi testimoni, «Sono felice e orgoglioso, perché ora la stessa Croce che il Papa ci ha donato è nella mia isola».
A La Palma, uno dei giovani partecipanti ha condiviso i suoi sentimenti di gioia per questa importante visita in questo modo: «Noi balliamo con gioia per diffondere la parola di Dio, parola di amore e di verità in tutti gli angoli della nostra società e della nostra isola», ha detto. «Oggi desideriamo essere piccoli per ospitare la Croce e Maria, nostra madre. Vogliamo essere piccoli per fare il cammino fino all’incontro mondiale a Madrid. Desideriamo essere piccoli per accogliere Gesù nella nostra vita. Vogliamo diventare piccoli per gridare a tutti che vale la pena di seguire Gesù Cristo».
L’Icona e la Croce sono stati anche a Toledo, la “città delle tre culture”, per secoli residenza di ebrei, cristiani e arabi, non distante da Madrid, sulla riva destra del fiume Tago: dal 1987 è Patrimonio dell’Umanità. Una marea di giovani ha inondato le ripide strade della città per accompagnare la Croce in processione fino alla cattedrale. La serata è proseguita con una veglia di preghiera che ha coinvolto un gran numero di cittadini, tra cui molte famiglie.
«È molto importante che la croce sia giunta a Toledo», dice Paloma, una delle giovani cha hanno partecipato all’accoglienza della Croce: «Vedere le strade della città invase da così tante persone è stato impressionante e molto emozionante», ha raccontato dopo la processione. In ogni luogo toccato dalla Croce e dall’icona di Maria si è vissuta una festa eccezionale, piccolo assaggio di quello che sarà la Giornata Mondiale della Gioventù di Madrid. In occasione della festa di San Giovanni d’Avila, i seminaristi del Seminario diocesano di Logroño hanno pregato per ore davanti alla Croce per suscitare vocazioni tra i pellegrini che parteciperanno alla GMG 2011.
Toccanti, in modo particolare, le soste nei luoghi di sofferenza: carceri, ospedali, luoghi in cui la sofferenza di Cristo è particolarmente sentita da persone che la vivono quotidianamente. Il cammino della Croce, accompagnata dall’icona della Vergine, attraverso le città e i villaggi di Spagna proclama l’amore di Dio per ogni uomo e non ha lasciato indifferenti gli Spagnoli. La Croce è, nel suo pellegrinaggio, la fiaccola che illumina la strada per Madrid, dove i giovani del mondo sono chiamati a incontrare Cristo.
http://www.laici.va/content/laici/it/sezioni/giovani/croce-della-gmg/il-pellegrinaggio-della-croce-e-dell-icona-in-spagna.html
======================
DISTRUTTA LA PRESENZA DI DIO: QUINDI è ANDATA DISTRUTTA LA SACRALITà DELLA VITA UMANA, L'UOMO DA SOGGETTO DELLO STATO: è DIVENTATO L'OGGETTO DEL POTERE, UNA COSA NEL SISTEMA MASSONICO PARASSITARIO BILDENBERG ROTHSCHILD, LA SOCIETà PREDATA: CHE PORTA IN SE IL FARISEO PARASSITA BANCHIERE: LA DEMOLOGIA DI TUTTE LE COSE, CHE, IL VATICANO PROTEGGE.. INFATTI, TUTTE LE NOSTRE RELIGIONI ED ISTITUZIONI SONO STATE FONDATE O DISTORTE, CORROTTE: DALLA MASSONERIA, QUINDI, è SUL SATANISMO IDEOLOGICO E PRATICO, CHE VIENE RAPPRESENTATA: LA SOTTRAZIONE DELLA NOSTRA SOVRANITà MONETARIA!
nietzsche e la morte di Dio, P.Emanuele, cogito ergo sum, salani editore ] [ Nietzsche che disprezza la compassione considerandola una debolezza dell'uomo è convinto che la morale tradizionale sia una debolezza della vita. Per questo la chiama morale degli schiavi, e la contrappone alla propria morale, che vuole essere forte ed aristocratica. Insegna perciò a disprezzare la umiltà cristiana, esaltando invece la fierezza che Nietzsche vede nel super uomo. Dalla morte di Dio da quella che il filosofo chiama la "divina putrefazione", deriva una morale sottosopra: "il bene è il male, ed il male è il bene!" .. sistematicamente il vizio prende il posto della virtù, e viveversa.
Cogito ergo sum : una breve storia della filososfia attraverso i detti dei filosofi / Pietro Emanuele Un libro di divulgazione filosofica che si fonda su un'idea originale: partire dalle formule dei filosofi, cioè dalla massima sintesi del loro pensiero, per spiegare le teorie, l'ambiente e l'epoca in cui sono nate. Un modo di raccontare la filosofia che vuole allontanare l'idea che si tratti di una materia incomprensibile, avulsa dalla realtà quotidiana. nIETZSCHE DICHIARA CHE è IL MALE CHE DEVE TRIONFARE SUL BENE, ED è QUESTO IL PENSIERO DOMINANTE NEL NUOVO ORDINE MONDIALE: USA UE LEGA ARABA.. QUINDI: I FRUTTI MORTALI SONO SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI!
===============
Mikhail Gorbaciov: tra USA e Russia ci potrebbe essere una guerra. L’ex presidente sovietico Mikhail Gorvaciov ha rilasciato ai media della Russia un’intervista, dichiarando che tra Russia e Stati Uniti è in corso una guerra fredda che potrebbe diventare “calda”.
Secondo Gorbaciov, Washington ha coinvolto Mosca in questo conflitto “cercando palesemente di realizzare la sua idea del trionfo americano”.
All’inizio di gennaio, in un’intervista al settimanale tedesco Der Spiegel, Gorbaciov ha messo in guardia contro il pericolo di una grande guerra in Europa che potrebbe essere causata dalla crisi ucraina. Nell’intervista ha anche esortato la Germania a trattenersi dall’ingerenza nella situazione attorno all’Ucraina.
http://italian.ruvr.ru/news/2015_01_29/Mikhail-Gorbaciov-tra-USA-e-Russia-ci-potrebbe-essere-una-guerra-0796/

ISIS distrugge antiche mura di Ninive ] Abd Allāh II ibn al-Husayn di Giordania ] io dico che, AbduAllāh di Arabia Saudita, è un infame, che, ha fatto finta di morire, non tanto, perché, lui non vuole onorare la sua parola, che, lui ha dato a me, di darmi il deserto della Madiana: per riunire le 12 Tribù di Israele: e per realizzare le profezie bibliche, e non soltanto, perché lui è un pidocchiso. no. ma, soprattutto perché, i satanisti massoni Rothschild 666 Bush 322: i suoi aleati, hanno detto a lui: "noi faremo di tutto il Medio Oriente: un solo cimitero: quindi, Muoia Sansone Israele, con tutti i filistei: turchi, giordani, egiziani, ecc.. cosi lui preferisce ubbidire ai satanisti massoni: che, piuttosto che: ubbidire a me: UNIUS REI, ecco perché, lui finge di fare il morto, AFFINCHé, tu dovrai fare, proprio tu il morto, veramente! e non fa niente, che, tu sei il pezzo di merda, che, tu hai fatto togliere a me: l'Accolitato dal Vaticano.. ma, io non potrei mai essere: un pezzo di merda come te: perché io non potrei mai tradire la mia giustizia! che per me: non c'è differenza tra palestinesi ed israeliani.. soltanto che, se, la tua shariah non avesse fatto di me: uno schiavo dhimmi: che: deve morire, cazzo: io certo riuscirei ad amare il tuo Islam, dico, se: il tuo Islam non fosse un razzista nazista di assassino, anche contro di me! ] [ per mostri maomettani shariah, la cultura e la storia: devono assere annullate.. nichilismo delirio di morte e di potere, autodistruzione fino al Califfato mondiale sotto egida Onu OIC shariah! ] ECCO PERCHé, LA LEGA ARABA è IL VERO FINANZIATORE, MENTORE, DELLA GALASSIA JIHADISTA [ Dopo le minacce riportate negli ultimi giorni da testimoni di Mosul, i terroristi dell'ISIS avrebbero fatto saltare larga parte di quello che resta delle antiche mura di Ninive, il sito archeologico più importante dell'Iraq. Il giornale Al Hayat ha riferito stamattina della distruzione parziale delle mura di Ninive, capitale dell'antico impero Assiro, la cui presenza risale al 4700 a.C., e considerato uno dei più rilevanti siti archeologici dell'intera regione. A confermarlo al quotidiano panarabo è stato il portavoce del partito democratico del Kurdistan, Said Mumzini. L'ISIS, che ha il controllo della seconda città irachena a nord del paese dallo scorso giugno, aveva più volte manifestato l'intenzione di distruggere monumenti antichi e santuari considerati profani perchè contrari all'Islam.
Ninive, antica città assira che si sviluppò sulla sponda sinistra del fiume Tigri nel a partire dal quinto millennio a.C, è considerata unanimemente sede del centro religioso più rilevante dell'antichità insieme a Babilonia per il culto di Ishtar, dea “dell'amore e della guerra”. La città, che fu capitale del regno assiro sotto la reggenza di Sennacherib nel VII secolo a.C., raggiunse il momento di massimo splendore proprio in coincidenza con la costruzione delle mura, volute dal suo successore Assurbanipal, che lungo i dodici chilometri di estensione recavano iscrizioni, intarsi e mosaici dedicati al culto di Ishtar.
 http://italian.ruvr.ru/news/2015_01_29/ISIS-distrugge-antiche-mura-di-Ninive-3434/

Chi è Sergio Mattarella, l'uomo scelto dal PD per il Colle
Breve ritratto del candidato scelto da Renzi e dal Partito Democratico per il ruolo di Presidente della Repubblica. Siciliano e figlio d'arte, una vita nella Democrazia Cristiana e nelle istituzioni. Dopo gli ammonimenti di Matteo Renzi, che ieri mattina dichiarava che il Partito Democratico non avrebbe accettato diktat da Forza Italia sui nomi, è nella tarda serata, a consultazioni chiuse, che il premier italiano ha deciso di giocare la sua carta facendo il nome di Sergio Mattarella. Che nella partita per il Colle fare un nome sia tutt'altro che garanzia di elezione, è cosa nota ma secondo alcuni analisti italiani quello di Mattarella potrebbe essere quello giusto per il Quirinale. E se Silvio Berlusconi ha già fatto sapere di non gradire la scelta di Renzi, il motivo è proprio nella storia politica di Mattarella, oggi giudice della Corte Costituzionale ma con una solida storia politica alle spalle. Figlio di Bernardo Mattarella, politico democristiano già ministro negli anni '50, e fratello di quel Piersanti ucciso dalla mafia nel 1980, Sergio Mattarella è eletto per la prima volta in parlamento nel 1983 nelle file della DC, attraversando tutta la trasformazione dei partiti italiani dell'area popolare ed approdando infine al Partito Democratico, dopo essere stato uno dei fondatori della Margherita. Più volte ministro, Mattarella ha anche ricoperto la carica di vicepresidente del consiglio durante il governo guidato da Massimo D'Alema nel 1996. Nel 1990, in protesta con la cosiddetta legge Mammì (dal nome del suo relatore) sul riordino del sistema radiotelevisivo tesa a favorire il gruppo televisivo guidato da Silvio Berlusconi, si dimette dal ruolo di ministro della Pubblica Istruzione. E' stato primo relatore della legge elettorale che ha caratterizzato le elezioni politiche degli anni novanta e che giornalisticamente venne definita “Mattarellum”. Cessato il mandato parlamentare del 2008 non si ricandidò più al Parlamento, venendo eletto nel 2011 giudice della Corte Costituzionale.
http://italian.ruvr.ru/news/2015_01_29/Chi-e-Sergio-Mattarella-luomo-scelto-dal-PD-per-il-Colle-4454/

La NATO esclude l’ipotesi di un rapporto costruttivo con Mosca
In un’intervista rilasciata mercoledì al tedesco Die Zeit, il comandante della forze NATO in Europa, generale Philip Breedlove, ha dichiarato che la Russia sta cercando di riportare l’Ucraina nella sua zona d’influenza. Per questo, ha detto Breedlove, la parte russa sta usando dei metodi di guerra non tradizionali.
Il generale ha rilevato che senza la disponibilità di Mosca “ad attenersi al diritto internazionale”, i rapporti “di tipo usuale” sono impossibili. Dal punto di vista di Breedlove, il conflitto in Ucraina non può essere risolto con mezzi militari, per superarlo occorre innanzitutto una trattativa di pace tra Mosca e Kiev.
Nel contesto del conflitto nell’Est dell’Ucraina il generale ha escluso l’ipotesi di un rapporto costruttivo con Mosca.
http://italian.ruvr.ru/news/2015_01_29/La-NATO-esclude-l-ipotesi-di-un-rapporto-costruttivo-con-Mosca-0188/

L’ucraina Naftogaz chiede a Gazprom 6 miliardi di dollari. In ottobre 2014 la società ucraina Naftogaz ha presentato un ricorso all’Arbitrato di Stoccolma chiedendo la revisione, con effetto retroattivo, del contratto con Gazprom per la fornitura di gas all’Ucraina nel periodo del 2009-2019.
Naftogaz chiede in particolare all’Arbitrato di riconoscere che “la tariffa di transito prevista dal contratto deve essere modificata come verrà successivamente indicato nelle dichiarazioni scritte di Naftogaz, da presentare in seguito, in conformità ai principi fondamentali del diritto contrattuale svedese”.Gazprom ha comunicato che la somma preliminare del rimborso chiesta da Naftogaz nell’ambito dell’eventuale revisione ammonta a 6,2 miliardi di dollari. A fronte della richiesta di arbitrato Gazprom ha presentato la sua risposta il 28 novembre 2014.
http://italian.ruvr.ru/news/2015_01_29/L-ucraina-Naftogaz-chiede-a-Gazprom-6-miliardi-di-dollari-2500/

Russia sospende fino alla fine dell’anno la sua partecipazione all’APCE
La delegazione della Russia, guidata dal presidente della Commissione Esteri della Duma di Stato, Aleksey Pushkov, sospende la sua partecipazione all’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa (APCE) almeno fino alla fine dell’anno in corso, ha scritto Pushkov su Twitter.
APCE è un importante strumento di cooperazione interparlamentare, uno dei due principali organi statutari del Consiglio d’Europa. L’Assemblea si occupa di problemi della società contemporanea e di vari aspetti della politica internazionale. Ne fanno parte, con diritto di voto decisivo, le delegazioni di 47 paesi.
La Russia è stata privata del diritto di voto.
http://italian.ruvr.ru/news/2015_01_29/Russia-sospende-fino-alla-fine-dell-anno-la-sua-partecipazione-all-APCE-1163/

Donbass: violenti combattimenti a Debaltsevo
Le milizie dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk comunicano che violenti combattimenti sono in corso nei pressi della città di Debaltsevo.
Secondo il ministro della Difesa di Donetsk, Eduard Basurin, nelle ultime 24 ore le forze ucraine 10 volte hanno attaccato le postazioni delle milizie, soprattutto nel settore Ovest, e cioè nella zona dell’aeroporto di Donetsk, Gorlovka e Debaltsevo. Il settore Sud non è stato attaccato.
Sempre nelle ultime 24 ore 7 miliziani sono stati uccisi e 41 feriti. Le autorità della Repubblica di Donetsk comunicano che sono morti anche 11 abitanti civili, 27 sono rimasti feriti.
http://italian.ruvr.ru/news/2015_01_29/Donbass-violenti-combattimenti-a-Debaltsevo-7680/

=========================
MH370: “E' stato un incidente” [[ OVVIAMENTE, PER QUANTO POSSA ESSERE INVEROSIMILE, MA, ALCUNI SATANISTI DELLA CIA: E I LORO ALIENI: SONO CANNIBALI, E SI SONO ABITUATI A MANGIARE GLI UOMINI SULL'ALTARE DI SATANA.. ANCHE PERCHé, LORO SEGUONO GLI INSEGNAMENTI DI MACCHIAVELLI E DI NEITZSCHE ... QUINDI SONO LORO CHE DEVONO DIMOSTRARE LA LORO INNOCENZA, DATO CHE DEI CIRCA 200.000 SACRIFICI UMANI SULL'ALTARE DI SATANA FATTI IN INGHILTERRA FRANCIA GERMANI, USA ECC.. LORO NON PRENDONO MAI NESSUN COLPEVOLE ]]
Le autorità malesiane hanno dichiarato ufficialmente che il volo MH370 è scomparso a causa di un incidente e che i passegeri sono stati dichiarati tutti deceduti. “Con un peso sul cuore e con profondo dolore” il Direttore dell'Aviazione Civile malesiana, Azharuddin Abdul Rahman, ha annunciato oggi in una conferenza stampa che la scomparsa del volo della Malaysian Airlines MH370 è stata causata da un incidente e che i 239 tra passeggeri e personale di bordo sono tutti morti. Il Direttore ha anche aggiunto che le ricerche dell'aeromobile nell'area di 60mila metri quadrati individuata al largo dell'oceano indiano non verranno interrotte. La Malaysian Airlines, che si è assunta la piena responsabilità della sciagura ha fatto sapere che la comunicazione ufficiale di oggi è necessaria anche per dare inizio all'iter burocratico che porterà al risarcimento dei familiari delle vittime.
Il volo MH370, un Boeing 777 partito lo scorso 8 marzo dalla capitale malese di Kuala Lumpur con destinazione Pechino, aveva fatto perdere le proprie tracce sui radar internazionali poco dopo il decollo. Al termine della prima fase di indagini gli investigatori avevano ristretto l'ambito delle ricerche ad una porzione dell'oceano indiano, tra il confine sud della Cina e l'Australia. Un report completo sui dati ufficiali al momento nelle mani della compagnia verrà diffuso il prossimo 8 marzo, nel primo anniversario dall'incidente.
http://italian.ruvr.ru/news/2015_01_29/MH370-E-stato-un-incidente-7905/
==============
il bullismo della NATO USA UE: i satanisti massoni, renderà inevitabile la guerra mondiale.. di cui loro Illuminati bildenberg sono gli unici responsabili, senza guerra mondiale il sistema monetario mondiale dei farisei collassa, infatti, il debito pubblico (truffa monetaria impagabile) è impagabile!! Caccia della Raf hanno intercettato due bombardieri russi al largo di Bournemouth, nell'Inghilterra meridionale. I velivoli britannici hanno dovuto scortare fuori dalla regione i due grandi aerei in grado di trasportare ordigni nucleari. Episodi del genere sono diventati più numerosi dopo la crisi in Ucraina che ha acuito la tensione fra Russia e Occidente. L'invio di bombardieri vicino alle coste inglesi viene vista da alcuni esperti come una nuova provocazione da parte di Mosca.=====================
tra questo pilota musulmano e mio figlio? non c'è nessuna differenza! il mio Regno reagirà! ] Abd Allāh II ibn al-Husayn di Giordania ] io dico che, AbduAllāh di Arabia Saudita, è un infame, che, ha fatto finta di morire, non tanto, perché, lui non vuole onorare la sua parola, che, lui ha dato a me, di darmi il deserto della Madiana: per riunire le 12 Tribù di Israele: e per realizzare le profezie bibliche, e non soltanto, perché lui è un pidocchiso. no. ma, soprattutto perché, i satanisti massoni Rothschild 666 Bush 322: i suoi aleati, hanno detto a lui: "noi faremo di tutto il Medio Oriente: un solo cimitero: quindi, Muoia Sansone Israele, con tutti i filistei: turchi, giordani, egiziani, ecc.. cosi lui preferisce ubbidire ai satanisti massoni: che, piuttosto che: ubbidire a me: UNIUS REI, ecco perché, lui finge di fare il morto, AFFINCHé, tu dovrai fare, proprio tu il morto, veramente! e non fa niente, che, tu sei il pezzo di merda, che, tu hai fatto togliere a me: l'Accolitato dal Vaticano.. ma, io non potrei mai essere: un pezzo di merda come te: perché io non potrei mai tradire la mia giustizia! che per me: non c'è differenza tra palestinesi ed israeliani.. soltanto che, se, la tua shariah non avesse fatto di me: uno schiavo dhimmi: che: deve morire, cazzo: io certo riuscirei ad amare il tuo Islam, dico, se: il tuo Islam non fosse un razzista nazista di assassino, anche contro di me! ] [ [ 29 GEN - I negoziati tra Giordania e Stato Islamico per il rilascio del pilota giordano Muath al Kaseasbeh e del giornalista giapponese Kenji Goto in cambio della liberazione della terrorista irachena Sajida al Rishawi sarebbero falliti. Lo ha detto una fonte in contatto con i giordani citata dal New York Times, secondo la quale l'Isis non ha fornito la prova che il pilota giordano sia ancora vivo e pertanto al Rishawi rimane in prigione in Giordania.
http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/mediooriente/2015/01/29/falliti-negoziati-per-rilascio-ostaggi_c714e030-7131-44db-8497-72699d95043f.html

tra questo pilota musulmano e mio figlio? non c'è nessuna differenza! il mio Regno reagirà! ] Abd Allāh II ibn al-Husayn di Giordania ] io dico che, AbduAllāh di Arabia Saudita, è un infame, che, ha fatto finta di morire, non tanto, perché, lui non vuole onorare la sua parola, che, lui ha dato a me, di darmi il deserto della Madiana: per riunire le 12 Tribù di Israele: e per realizzare le profezie bibliche, e non soltanto, perché lui è un pidocchiso. no. ma, soprattutto perché, i satanisti massoni Rothschild 666 Bush 322: i suoi aleati, hanno detto a lui: "noi faremo di tutto il Medio Oriente: un solo cimitero: quindi, Muoia Sansone Israele, con tutti i filistei: turchi, giordani, egiziani, ecc.. cosi lui preferisce ubbidire ai satanisti massoni: che, piuttosto che: ubbidire a me: UNIUS REI, ecco perché, lui finge di fare il morto, AFFINCHé, tu dovrai fare, proprio tu il morto, veramente! e non fa niente, che, tu sei il pezzo di merda, che, tu hai fatto togliere a me: l'Accolitato dal Vaticano.. ma, io non potrei mai essere: un pezzo di merda come te: perché io non potrei mai tradire la mia giustizia! che per me: non c'è differenza tra palestinesi ed israeliani.. soltanto che, se, la tua shariah non avesse fatto di me: uno schiavo dhimmi: che: deve morire, cazzo: io certo riuscirei ad amare il tuo Islam, dico, se: il tuo Islam non fosse un razzista nazista di assassino, anche contro di me! ] [ 29 GEN - "Il sole sta per tramontare e porterà via con se' l'ultimo respiro di Muath al Kaseasbeh". Così, in un messaggio dell'Isis ritwittato da un account 'vicino ai jihadisti', i terroristi annunciano l'imminente esecuzione del pilota giordano postando l'immagine di un coltello. Il messaggio è stato rilanciato dalla direttrice del Site, Rita Katz.
http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/mediooriente/2015/01/29/isis-imminente-esecuzione-pilota_973a1c46-c031-4050-9de0-fef70fb663e3.html

Abd Allāh II ibn al-Husayn di Giordania ] io dico che, AbduAllāh di Arabia Saudita, è un infame, che, ha fatto finta di morire, non tanto, perché, lui non vuole onorare la sua parola, che, lui ha dato a me, di darmi il deserto della Madiana: per riunire le 12 Tribù di Israele: e per realizzare le profezie bibliche, e non soltanto, perché lui è un pidocchiso. no. ma, soprattutto perché, i satanisti massoni Rothschild 666 Bush 322: i suoi aleati, hanno detto a lui: "noi faremo di tutto il Medio Oriente: un solo cimitero: quindi, Muoia Sansone Israele, con tutti i filistei: turchi, giordani, egiziani, ecc.. cosi lui preferisce ubbidire ai satanisti massoni: che, piuttosto che: ubbidire a me: UNIUS REI, ecco perché, lui finge di fare il morto, AFFINCHé, tu dovrai fare, proprio tu il morto, veramente! e non fa niente, che, tu sei il pezzo di merda, che, tu hai fatto togliere a me: l'Accolitato dal Vaticano.. ma, io non potrei mai essere: un pezzo di merda come te: perché io non potrei mai tradire la mia giustizia! che per me: non c'è differenza tra palestinesi ed israeliani.. soltanto che, se, la tua shariah non avesse fatto di me: uno schiavo dhimmi: che: deve morire, cazzo: io certo riuscirei ad amare il tuo Islam, dico, se: il tuo Islam non fosse un razzista nazista di assassino, anche contro di me! ] [ Yemen: ribelli conquistano base militare. Importante campo addestramento antiterrorista. 29 gennaio 2015 SANAA, Funzionari yemeniti hanno reso noto che i ribelli sciiti hanno conquistato una importante base militare a sud della capitale Sanaa, dove esperti Usa avevano organizzato un campo di addestramento antiterrorista nel 2012 per combattere le forze al Qaida. Gli Huthi recentemente hanno conquistato diversi siti militari incluso il quartiere generale delle forze speciali paramilitari, dopo avere preso il controllo della capitale a settembre.
http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/mediooriente/2015/01/29/yemen-ribelli-conquistano-base-militare_34234835-aba2-44e2-85a6-ec3c918cf8b0.html

Abd Allāh II ibn al-Husayn di Giordania ] io dico che, AbduAllāh di Arabia Saudita, è un infame, che, ha fatto finta di morire, non tanto, perché, lui non vuole onorare la sua parola, che, lui ha dato a me, di darmi il deserto della Madiana: per riunire le 12 Tribù di Israele: e per realizzare le profezie bibliche, e non soltanto, perché lui è un pidocchiso. no. ma, soprattutto perché, i satanisti massoni Rothschild 666 Bush 322: i suoi aleati, hanno detto a lui: "noi faremo di tutto il Medio Oriente: un solo cimitero: quindi, Muoia Sansone Israele, con tutti i filistei: turchi, giordani, egiziani, ecc.. cosi lui preferisce ubbidire ai satanisti massoni: che, piuttosto che: ubbidire a me: UNIUS REI, ecco perché, lui finge di fare il morto, AFFINCHé, tu dovrai fare, proprio tu il morto, veramente! e non fa niente, che, tu sei il pezzo di merda, che, tu hai fatto togliere a me: l'Accolitato dal Vaticano.. ma, io non potrei mai essere: un pezzo di merda come te: perché io non potrei mai tradire la mia giustizia! che per me: non c'è differenza tra palestinesi ed israeliani.. soltanto che, se, la tua shariah non avesse fatto di me: uno schiavo dhimmi: che: deve morire, cazzo: io certo riuscirei ad amare il tuo Islam, dico, se: il tuo Islam non fosse un razzista nazista di assassino, anche contro di me! ] [ NON VOGLIO PASSARE PER UN VIOLENTO, A TUTTI I COSTI, MA, QUESTO INCIDENTE.. è innegabile, SOLLEVA DIVERSE PERPLESSITà: CHE SONO INECCEPIBILI DAL PUNTO DI VISTO TEOLOGICO, VISTO CHE, DIO è IN CONTROLLO DI OGNI COSA!! E NON SFUGGE, A NESSUNO: CHE, POTREBBE ESSERE USaTO COME UN MESSAGGIO INTIMIDATORIO DA PARTE MIA, CONTRO, LA NATO, DA ME UNIUS REI: CHE IO SONO IL REGNO DI DIO IN FORMA POLITICA SULLA TERRA: IO SONO IL PROGETTO POLITICO, PER DARE UN RE AD ISRAELE! ] E NON PENSATE DI FARE DEL MALE AD ISRAELE, O DI ANDARE A QUESTA CRIMINALE AVVENTURA NUCLEARE: CONTRO: CINA E RUSSIA, CHE, SONO PROTETTI DA ME! PERCHé NON ESISTE UN BUCO DI CULO DI TERRENO, DOVE VOI VI POTRESTE NASCONDERE DAI MIEI MINISTRI ANGELI! [ Spagna: F-16 cade su base Nato, 10 morti. Caccia greco precipita durante decollo. 26 gennaio 20151 MADRID, 26 GEN - E' di almeno dieci morti e tredici feriti, dei quali sette gravi, il bilancio di un incidente nella base aerea Nato di Las Lanos, in Spagna, dove è precipitato un F-16 greco in fase di decollo, mentre partecipava al programma di formazione di piloti della Nato. Il caccia è precipitato nella zona di addestramento della scuola di perfezionamento di piloti della Nato, per cui si ritiene che le vittime e i feriti siano di diverse nazionalità. Fra le prime, i due piloti del caccia biposto greco. http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/europa/2015/01/26/spagna-f-16-cade-su-base-nato-10-morti_181164b9-4443-46a2-b114-8e4fb7f69815.html

Abd Allāh II ibn al-Husayn di Giordania ] io dico che, AbduAllāh di Arabia Saudita, è un infame, che, ha fatto finta di morire, non tanto, perché, lui non vuole onorare la sua parola, che, lui ha dato a me, di darmi il deserto della Madiana: per riunire le 12 Tribù di Israele: e per realizzare le profezie bibliche, e non soltanto, perché lui è un pidocchiso. no. ma, soprattutto perché, i satanisti massoni Rothschild 666 Bush 322: i suoi aleati, hanno detto a lui: "noi faremo di tutto il Medio Oriente: un solo cimitero: quindi, Muoia Sansone Israele, con tutti i filistei: turchi, giordani, egiziani, ecc.. cosi lui preferisce ubbidire ai satanisti massoni: che, piuttosto che: ubbidire a me: UNIUS REI, ecco perché, lui finge di fare il morto, AFFINCHé, tu dovrai fare, proprio tu il morto, veramente! e non fa niente, che, tu sei il pezzo di merda, che, tu hai fatto togliere a me: l'Accolitato dal Vaticano.. ma, io non potrei mai essere: un pezzo di merda come te: perché io non potrei mai tradire la mia giustizia! che per me: non c'è differenza tra palestinesi ed israeliani.. soltanto che, se, la tua shariah non avesse fatto di me: uno schiavo dhimmi: che: deve morire, cazzo: io certo riuscirei ad amare il tuo Islam, dico, se: il tuo Islam non fosse un razzista nazista di assassino, anche contro di me! ]
========================
28 gennaio 2015, 12:52
Donbass: la guerra non raccontata. Parte 2. Perché in Italia non si è parlato per mesi della guerra nel Donbass? Quanto si può tacere ancora di fronte a una simile strage? Domenico Quirico, inviato per La Stampa, ha partecipato al dibattito de “La Voce della Russia” insieme a Eliseo Bertolasi, analista geopolitico dell’IsAG (Istituto di Alti Studi in Geopolitica e Scienze Ausiliarie), che ci ha offerto la sua preziosa testimonianza oculare dei tragici fatti in Ucraina Orientale.
- Dopo la strage alla redazione Charlie Hebdo abbiamo visto una grande solidarietà nei confronti delle vittime, è stata organizzata una manifestazione a Parigi con molti capi di Stato. Per le vittime del Donbass, che sono decine al giorno, non si fa nulla di tutto ciò. Perché Quirico secondo lei? Ci sono morti di serie A e serie B?
- Purtroppo credo sia sostanzialmente così. Bisogna costatare cinicamente che ci sono eventi per una prossimità geografica i quali ci coinvolgono tutti. Alcuni eventi suscitano emozioni maggiori e altri vengono considerati come una normalità della tragedia umana. Oltre alla considerazione elementare che le vittime sono tutte uguali nella loro innocenza, bisogna costatare che spesso sono proprio i giornali a non fare il loro mestiere: non riescono a mobilitare la coscienza collettiva sui luoghi, dove l’uomo soffre. Per questo i giornali vengono meno alla ragione per cui esistono. Oltre a questo c’è una gerarchia di responsabilità politica che va al di là dell’informazione.
- Eliseo, hai dato diverse conferenze in Italia portando la tua testimonianza, mostrando foto e video della guerra del Donbass. Come reagiva la gente a queste conferenze?
- Mostrare quello che ho filmato è un dovere professionale, ma anche morale. Non si può tacere di fronte a queste stragi. La gente alle conferenze manifestava sgomento e meraviglia, perché la maggior parte di loro non ha la consapevolezza di come stanno andando le cose. Ho fatto decine di conferenze, ma ora sto rilevando un interesse anche della stampa ufficiale. Ad esempio qualche giorno fa ho telefonato a Daniele Mastrogiacomo de la Repubblica, ho proposto i miei filmati sull’aeroporto di Donetsk, e non ha avuto nessun problema a pubblicarli.
- Domenico, perché secondo lei questi ultimi giorni i giornali italiani hanno ripreso a parlare del conflitto ucraino, dopo mesi di silenzio? A cosa è dovuto questo cambio di rotta?
- I meccanismi nei quali si muove l’informazione sono molto complessi, talora elementari e talora indecifrabili. Indubbiamente le stragi di grandi dimensioni dei giorni scorsi hanno costretto l’informazione a rioccuparsi di quanto accade in Ucraina in modo meno infinitesimale rispetto ai mesi passati. Può darsi ora il meccanismo dell’informazione si rimetta in moto verso questi luoghi e torni a raccontare. Ci sono dei problemi anche oggettivi però nel raccontare queste cose. Si tratta di una guerra non regolare. È difficile raggiungere questo fronte. Il nostro interlocutore l’ha fatto, ma immagino non sia così semplice. L’informazione si rimette in moto stentatamente come sempre. Ricordiamoci del genocidio in Ruanda: l’informazione vi era arrivata, quando il genocidio era già finito. Rispetto alle guerre regolari con due eserciti, c’è un fronte, delle regole, delle uniformi e le bandiere, gli uffici stampa dei rispettivi eserciti. Le guerre di oggi presentano caratteristiche completamente diverse. Muoversi con un esercito irregolare invece è anche più rischioso. Il sistema non esiste, va inventato di volta in volta.
- Eliseo, a parte te e Vauro sul fronte nel Donbass non ci sono stati altri giornalisti italiani. Che cosa ti dicevano gli abitanti di quelle città conoscendoti?
- La gente a dir poco mi rincorreva e mi chiedeva di essere intervistata perché la loro realtà potesse arrivare sui nostri media ufficiali. Mi chiedevano com’è possibile che in un’Europa, chiamata patria dei diritti di tutti, addirittura attenta ai diritti degli animali, a qualsiasi minoranza etnica, non ci sia ascolto per le sofferenze della minoranza etnica russa che vive nell’Ucraina orientale.
- Il 27 gennaio è il giorno della memoria dell’Olocausto, tragedia indescrivibile. Oggi ci sono tante altre guerre di cui non si parla. In conclusione che auspicio vorrebbe esprimere Domenico?
- Che non dimentichiamo l’obbligo del mio mestiere: quello di andare a raccontare le cose, essere presenti nei luoghi in cui accadono per vedere. L’unica garanzia che possiamo dare a chi legge è la nostra testimonianza e la nostra presenza diretta. Questo è il giornalismo, null’altro di diverso da questo. Nell’Ucraina orientale, in Siria, in Nigeria e in tutti gli altri luoghi dove la storia afferra l’uomo e qualche volta lo distrugge.
Le guerre non si dimenticano, ma vanno anche raccontate. Grazie a tutti i giornalisti che rischiando la vita vanno sul posto per documentare i fatti e mostrarli ai propri lettori. http://italian.ruvr.ru/2015_01_28/Donbass-la-guerra-non-raccontata-Parte-2-6311/
=================
Ministro degli Esteri di Atene: rivedere la strategia dei rapporti con Mosca
La politica di Bruxelles nei confronti della Federazione Russa viene decisa al di fuori delle istituzioni europee ed è basata sugli interessi dei singoli paesi, pertanto la strategia va rivista, ha dichiarato il Ministro degli Esteri della Grecia Nikolaos Kotzias in un’intervista al francese Humanité.
“Non vogliamo che la politica dell’UE sia basata sugli interessi dei paesi che storicamente sono soggetti a turbamenti nei loro rapporti con la Russia”, - ha rilevato Kotzias.
L’Europa, egli ha aggiunto, deve pensare a una nuova strategia.
http://italian.ruvr.ru/news/2015_01_29/Ministro-degli-Esteri-di-Atene-rivedere-la-strategia-dei-rapporti-con-Mosca-8025/
=====================
HRW: Kiev sta usando armamenti non selettivi
Le forze ucraine usano nel Donbass armamenti non selettivi, in particolare i lanciarazzi multipli Grad, causando così un enorme numero di vittime tra le popolazioni civili, ha dichiarato nel corso di una conferenza stampa la ricercatrice di Human Rights Watch Yulia Gorbunova.
Nel contempo Gorbunova ha rilevato che la responabilità ricade anche sulle milizie che “dislocano le loro postazioni in luoghi abitati dai civili, in rioni densamente popolati dove moltissime persone vengono uccise dal fuoco di ritorsione”.
http://italian.ruvr.ru/news/2015_01_29/HRW-Kiev-sta-usando-armamenti-non-selettivi-9917/
===================
Cremlino: Occidente sta usando Ucraina come pomo della discordia
Il capo dell’Aministrazione del Presidente della Russia, Sergej Ivanov, crede che i partner occidentali di Mosca, in primo luogo quelli americani, stiano usano l’Ucraina come il pomo della discordia per raggiungere gli obiettivi della loro politica estera. Uno dei loro scopi “è quello di far litigare l’Unione Europea e la Russia”, ha rilevato il politico.
Secondo Ivanov, questa cosa non nuoce minimamente agli USA, perché il fatturato del commercio russo-americano tende a zero, mentre l’interscambio commerciale tra Russia e UE “ha raggiunto livelli assai seri”.
Ivanov ha aggiunto che l’Occidente non si preoccupa seriamente per la sorte del popolo ucraino.
http://italian.ruvr.ru/news/2015_01_29/Cremlino-Occidente-sta-usando-Ucraina-come-pomo-della-discordia-9581/
=====================
L’Ucraina mette sotto le armi 45000 persone
Il presidente dell’Ucraina Petr Poroshenko ha dichiarato che da quando nel paese è iniziata la campagna di mobilitazione sono stati consegnati 73000 avvisi di chiamata in servizio e 45000 persone sono state mandate a seguire un corso di addestramento.
Il 15 gennaio la Rada Suprema ha approvato il decreto di Poroshenko su tre tappe della mobilitazione parziale. La prima tappa è iniziata il 20 gennaio.
Giovedì il capo dell’Ufficio Mobilitazione dello Stato Maggiore delle Forze armate dell’Ucraina, Aleksandr Pravdivez, ha comunicato che la prima tappa di mobilitazione è terminata. Le liste degli evasori saranno pronte entro il 3 marzo.
http://italian.ruvr.ru/news/2015_01_29/L-Ucraina-mette-sotto-le-armi-45000-persone-8705/
========================
Poroshenko ha firmato una legge sulla mobilitazione parziale
23 luglio 2014,
Petro Poroshenko ha annunciato il regime del silenzio nel Donbass il 9 dicembre
4 dicembre 2014,
Poroshenko ordina cessate il fuoco temporaneo in Ucraina orientale
18 giugno 2014,
Poroshenko soddisfatto della rinuncia alla forza di Putin in Ucraina
24 giugno 2014,
Merkel: La situazione in Ucraina sta diventando sempre più complessa
18 luglio 2014
Ucraina: i parenti delle forze di sicurezza contro Poroshenko
16 luglio 2014,
Yanukovych accusa Kiev e l'Occidente per le violenze in Ucraina orientale
29 maggio 2014,
Ucraina, il presidente Poroshenko prolunga il cessate il fuoco di 3 giorni
=====================
Donbass: la missione della dottoressa Lisa. Dove un bambino soffre, ci deve essere aiuto, cura, supporto a prescindere dalla sua nazionalità e dalle sue origini. La dottoressa russa Elizaveta Glinka, meglio conosciuta come “Dottoressa Lisa” è medico specialista in rianimazione. È anche direttore della fondazione “Aiuto giusto”: con tanta dedizione, passione e professionalità si dedica a curare i bambini vittime del conflitto che insanguina il Donbass.
Questa è la sua “missione” al di là della politica e degli schieramenti. Davanti a dichiarazioni politiche che hanno promesso ai bambini del Donbass di vivere rintanati “negli scantinati”, lei ha risposto con amore e dedizione. La “dottoressa Lisa” ha accettato, con molta gentilezza, di rilasciare un’intervista a La Voce della Russia.
- Perché nessuno in Occidente parla della guerra del Donbass, e nessuno parla di Lei?
- A mio parere, non interessa a nessuno. Tutte le riunioni dei membri dell'Unione europea e degli Stati Uniti terminano con l'introduzione di sanzioni. Nessuno chiarisce le cause della guerra, persino nemmeno si riconosce l’esistenza di una guerra, nonostante l'enorme numero di vittime da entrambe le parti del conflitto. Sono stati uccisi 200 bambini (ed è solo ciò che viene ufficialmente annunciato), le città che vogliono la federalizzazione sono sotto assedio, c’è un enorme numero di vittime, e di disabili.
Faccio il mio lavoro, perché parlarne in Occidente? Mi aiuta la diaspora ortodossa di Venezia, che manda aiuti ai bambini feriti.
- Quanti bambini ha aiutato fino ad ora?
- 33 bambini orfani sono stati consegnati alla parte ucraina nel luglio del 2014. 50 bambini sono stati trasportati a Mosca per cure gratuite, tra di loro sei sono gravemente feriti. In totale 88 bambini.
- Lei si trova spesso nella Novorossia. Per favore, può raccontare ai nostri lettori com’è la situazione umanitaria, come vivono le persone in Novorossia e che cosa, secondo Lei, manca innanzitutto?
- Manca tutto, dal pane ai farmaci. Dal 21 gennaio con l'introduzione di un sistema di spostamento speciale, i civili non possono lasciare le città in cui c’è in corso l’ATO (Operazione Anti Terrorismo), così come, solo per ottenere un pass sono richiesti 10 giorni. Non è accettabile per i bambini malati e feriti.
- Secondo Lei, chi è il colpevole per le ferite alla popolazione civile, chi bombarda i villaggi della Novorossia?
- I colpevoli sono tutti coloro che bombardano.
- Cos’è più pesante nel Suo lavoro?
- La morte dei bambini.
- Qual è l'evento o gli eventi che maggiormente ricorda?
- Mi ricordo tutto. E di tutti. Ogni bambino ha il suo destino e la sua tragedia.
- Ci dica della sua équipe, chi sono queste persone?
- La mia squadra sono due medici, un farmacista, la scorta, e i volontari.
- Se Lei avesse la possibilità di lanciare un appello alle leadership della Russia, della Novorossia e dell’Ucraina che cosa chiederebbe o direbbe loro?
- Chiederei un immediato cessate il fuoco, l'apertura di corridoi umanitari, e lo sminamento dei territori.
- Quali sono i Suoi piani, cosa sogna?
- Il mio sogno è che arrivi la pace, e i piani li mostrerà la guerra, per quanto non possa sembrare orribile per tutti voi.
http://italian.ruvr.ru/2015_01_29/Donbass-la-missione-della-dottoressa-Lisa-6936/
================================
gennaio, Il tesoro degli Zar rispunta in Norvegia. Tracce delle riserve auree dell’Impero Russo, misteriosamente scomparse, sono state trovate in Norvegia.
Lo storico di Murmansk Vladimir Karelin, lavorando negli archivi norvegesi, repentinamente ha trovato tracce di una parte del cosiddetto “oro di Kolchak” per cui s’intende la parte delle riserve auree dell’Impero Russo la cui scomparsa è diventata uno dei misteri più enigmatici del XX secolo.
Nel 1918, quando in Russia era in corso la guerra civile, l’Ammiraglio Kolchak, uno dei leader del movimento anti-bolsheviko, entra in possesso di una parte delle riserve auree dell’Impero Russo. Sotto la pressione dell’Esercito Rosso le truppe al comando di Kolchak furono costrette ad indietreggiare in profondità della Siberia. L’oro fu imbarcato su 40 carri ferroviari. Durante il tragitto il “convoglio d’oro” di Kolchak entrò in collisione con un altro treno. Nell’impatto alcuni carri andarono distrutti, le casse munizioni iniziarono ad esplodere. L’incendio fu spento ma durante la catastrofe una parte dell’oro andò perduta. La ricerca dell’oro perduto è stata condotta in tempi diversi per tutto il percorso del “convoglio d’oro”, ma a tutt'oggi esso non è stato ancora trovato.
Ed ecco che tracce di una parte dell’oro di Kolchak sono state trovate in Norvegia. Lo storico Vladimir Karelin ha le sue idee su come l’oro russo poteva finire nel nord dell’Europa.
“Ci sono state molte discussioni al riguardo, soprattutto negli anni 90, quando la Russia versava in una situazione di fragilità finanziaria e molte persone ravvisavano in questa ricerca dei tentativi di rimettere in sesto la situazione finanziaria del Paese. Come ora emerge nel destino dell’oro russo, finito in Scandinavia, era coinvolto Konstantin Gulkevich, diplomatico che guidava la missione russa a Stoccolma, nonché il suo amico e partner norvegese, professore Olaf Brok.
Il fondo personale di Brok è custodito presso la Biblioteca Nazionale di Oslo, e Karelin si recò nella capitale norvegese per prendere visione di materiali del Fondo. Proprio lì furono scoperte le lettere dell’ambasciatore russo Gulkevich nonché alcuni altri documenti riguardanti il destino dell’oro. Essendo a Stoccolma dal 1918 al 1921, Gulkevicvh era il coordinatore delle azioni per il supporto, compreso quello finanziario, degli eserciti che stavano combattendo contro i bolsheviki. Gulkevich fu uno di coloro che ebbe il diritto di disporre di una parte delle riserve auree dell’Impero Russo, finita in mano alle forze anticomuniste. Secondo lo storico Vladimir Karelin, si poteva trattare di tre tonnellate di oro destinato ad essere venduto ai banchieri americani. Dalle lettere si evince che i dirigenti della comunità di immigrati russi in caso di vendita dell’oro contavano di ottenere successivamente una rendita…
Altri particolari al riguardo nei documenti rinvenuti non c’erano. Il successivo destino dell’oro non si conosce. La ricerca dell’oro di Kolchak prosegue.
http://italian.ruvr.ru/2015_01_08/Il-tesoro-degli-Zar-rispunta-in-Norvegia-3135/
=================
26 gennaio, Giulietto Chiesa: “La mia difesa della democrazia europea”. Dopo i fatti di Tallinn del mese scorso, Giulietto Chiesa racconta in un’intervista a “La Voce della Russia” il suo recente viaggio in Estonia, accompagnato dall’operatore di Pandora TV, Adalberto Gianuario, e dalla senatrice italiana Paola De Pin.
Quali sono state le motivazioni che ti hanno spinto a recarti nuovamente in Estonia?
“In Estonia ci sono venuto perché quello che mi è accaduto in dicembre è un episodio emblematico e senza precedenti che mette in discussione i principi fondamentali dell’Europa. Il problema non riguardava soltanto me stesso e l’essere stato fermato, perquisito, gettato in camera di sicurezza e infine espulso, ma un principio giuridico valido per tutti i cittadini europei che devono essere liberi di muoversi sul territorio dell’Europa senza limitazioni. Questo è il principio della cittadinanza europea, un principio fondamentale dei diritti democratici sanciti dai trattati europei. Io ho voluto che venissse confermato questo principio e quindi ho deciso di ritornare in Estonia non appena fossi stato giuridicamente in condizione di farlo, e, nello stesso tempo, ho deciso di venire a vedere se mi avrebbero fermato una seconda volta e se mi avrebbero espulso. Ciò non è avvenuto e questo significa semplicemente che avevo ragione. In questo modo ho potuto affermare un principio. Ora si potrà continuare a discutere tranquillamente delle possibilità di attuazione dei principi.
C’è una seconda parte che io intendo portare avanti, cioè quella giuridica. Io esigo che le decisioni che mi hanno riguardato siano cancellate in quanto illegali e mi muoverò perché questo avvenga. Ho pertanto fatto il primo ricorso al Tribunale Amministrativo di Tallinn per chiedere l’annullamento della decisione precedente. Inoltre farò un secondo ricorso riguardante le offese che mi sono state mosse. Le accuse che hanno motivato una decisione illegale sono, a loro volta, non solo illegali ma costituiscono anche delle offese rivolte alla mia persona e alla mia professione. In particolare, sono stato accusato di avere sostenuto e incoraggiato il genocidio del popolo estone ma quest’affermazione dev’essere dimostrata. Personalmente la ritengo calunniosa oltre che indimostrabile. Per tale motivo agirò legalmente contro il governo estone per calunnia e diffamazione e lo farò difronte a un tribunale estone, anche per verificare fino a che punto le istituzioni giuridiche estoni lavorano corrispondentemente ai criteri di democrazia sanciti dalla costituzione europea. Il terzo passaggio per me inevitabile, nel caso in cui non saranno state presentate modifiche da parte delle istituzioni estoni, sarà quello di fare ricorso alla Corte Europea per i Diritti dell’Uomo di Strasburgo attraverso un esposto che raccoglie l’intera esperienza. Ritengo fortemente che questo è quello che bisogna fare perché si tratta di una questione che riguarda non me personalmente – come ho detto prima - ma la cittadinanza europea nel suo complesso. Quindi è necessario che anche l’Europa, attraverso la Corte Europea per i Diritti dell’Uomo di Strasburgo, si pronunci. In questo modo, mediante questi passaggi, anche burocratici, tutti potremo misurare la qualità della democrazia europea”.
 Secondo il portavoce del Ministero degli Interni estone, il tuo obiettivo sarebbe stata la ricerca di provocazione e di attenzione, mentre lo stesso Ministero in un comunicato pubblico e ufficiale ha dichiarato che reiterando il divieto d'ingresso (valido dal 13 dicembre 2014 al 13 gennaio 2015) avresti avuto la possibilità di violarlo nuovamente (in dicembre a Chiesa non era stato comunicato dalle autorità estoni il divieto d’ingresso come persona ‘non grata’ prima del suo arrivo). Ciò avrebbe arrecato allo stato estone un danno maggiore a quello provocato consentendoti di relazionare alla conferenza ‘Ma la Russia è nemica dell’Europa?’ Come giudichi queste dichiarazioni?
 “In primo luogo, quest’ultima dichiarazione è una critica esplicita nei confronti dell’autorità che mi ha impedito di fare la conferenza pechè loro stessi dicono che mi è stata offerta la migliore delle occasioni per tingere di nero lo stato estone. Non ho firmato io quel decreto e quindi risolvano da soli il problema. Personalmente, considero quest’affermazione un’autocritica delle istituzioni estoni. La comunicazione del portavoce del Ministero degli Interni, invece, è un’accusa di cui le stesse istituzioni si devono fare carico nei miei confronti, perché definire ‘provocazione’ una conferenza significa dire che questa conferenza non deve tenersi. Infatti, c’è una contraddizione. Se si ritiene che una conferenza è una provocazione allora si dovrebbe decidere e rendere pubblico il fatto che un’opinione è una provocazione. Io non sono e non ero sicuramente in grado di sovvertire l’ordine costituzionale dell’Estonia con una conferenza quindi ciò significa che si è messo in discussione il diritto di un cittadino europeo di esprimere il suo punto di vista pubblicamente in casa propria, perché, in base ai principi giuridici dell’Europa, l’Estonia è la mia casa, come lo è l’Italia, come lo è la Francia, come lo è qualunque parte della nuova configurazione statale che si chiama Europa. Perciò, se io non posso parlare neanche in casa mia, allora bisogna decidere chi è che ha il diritto di parlare. Siamo un po’ in una situazione simile a quella orwelliana.”
 Come mai la conferenza di venerdì scorso si è svolta nella città di Maardu invece che a Tallinn, come previsto dall’associazione culturale Impressum che ti ha invitato?
Le due conferenze - dallo stesso titolo - avrebbero dovuto svolgersi entrambe a Tallinn. La prima fu impedita in dicembre. La seconda non è stata impedita e tuttavia io presumo ci siano state o pressioni o intimidazioni più o meno dirette verso le strutture che dovevano ospitarla tant’è che due tra i più importanti alberghi della città di Tallinn, l’Hotel Radisson Blu Olympia, della catena Radisson, e l'Hotel Meriton e Viru - ringrazio comunque la sorte per avermi concesso un soggiorno in uno splendido hotel 5 stelle nel centro storico di Tallinn- hanno rifiutato e di dare la sala per la conferenza e addirittura di darci la camera per l’alloggio. Resta il fatto che questi alberghi e altre istituzioni politiche hanno rifiutato la sala perché temevano ripercussioni politiche, disordini e chissà quali cose. Il dato rilevante è che il rifiuto all’alloggio non è avvenuto solo a me, ma anche ai miei accompagnatori, Adalberto Gianuario, operatore di Pandora TV, e Paola De Pin, senatrice al Parlamento italiano, e quindi rappresentante delle istituzioni italiane. Così la conferenza si è svolta nella città di Maardu, situata a una ventina di chilometri da Tallinn, in una sala in cui non c’era la polizia nè contestatori, bensì un grande pubblico molto interessato a conoscere il mio punto di vista”.
 Infine, una domanda di stretta attualità politica. Come valuti la vittoria di Tsipras alle elezioni greche avvenuta ieri?
“Considero che la vittoria di Tsipras sia strepitosa. Si tratta di un grande evento perché per la prima volta mette un paese dell’Unione Europea nelle condizioni di avere un governo che apertamente contraddice la linea delle politiche dell’UE e ne chiede una modifica. Per la prima volta Bruxelles e la Troyka si troveranno di fronte un ostacolo serio alla loro aggressione contro i popoli europei. Questo è un cambiamento importantissimo e radicale che muta la prospettive dei prossimi anni. Bisognerà ora vedere tante cose, come l’Europa di Bruxelles risponderà a questa situazione, come riuscirà Tsipras a portarsi dietro l’opinione pubblica greca, come reagiranno gli altri paesi dell’Europa, perché questa vittoria di Syriza è una vittoria elettorale che modificherà anche una parte dell’opinione pubblica europea. Tutto questo è da vedere perché sono certo che Tsipras sarà sottoposto a una micidiale pressione affinchè non riesca a ottenere nulla o pochissimo e quindi perché si rivolti contro di lui una parte dell’opinione pubblica che lo ha votato. Non posso quindi prevedere che per Tsipras saranno anni lieti e facili; tuttavia ritengo che questa sarà una grande svolta con enormi influenze.
Ciò detto, ho letto molti commenti che sono apparsi in calce alla mia dichiarazione sulla pagina Facebook inerente alla vittoria di Tsipras e con grande stupore ho visto che la quantità delle persone che non capiscono quasi nulla di politica è molto alta, c’è come una specie di rigurgito e di sospetto nei confronti di Tsipras in persona e di quello che è accaduto in questi due giorni di elezioni. Io ritengo che, da un lato, ciò sia una gigantesca illusione di una parte degli europei che non capiscono quello che sta accadendo e, d’altra parte, che questo è l’inizio dell’attacco contro Tsipras. In questi commenti si vede già la mano di un’operazione che punta a coprire d’insulti, di sospetti, di fastidio quello che sta facendo Tsipras. E’ l’inizio dell’attacco. Già so perfettamente che Tsipras sarà sottoposto a un fondamentale, sistematico, multilaterale attacco per demolirlo. E’ quello che accade negli interessi dei potenti europei che non vogliono ci sia nessun cambiamento. Proviamo a immaginare cosa stanno pensando e facendo al centro del Potere mondiale, a Washington, alla City of London, quelli di Goldmans Sachs e compagnia dominante. Cominceranno i ricatti, le minacce, gli sgambetti.
Per questa ragione io sto in questo momento dalla parte di Tsipras senza nessuna esitazione”.
http://italian.ruvr.ru/2015_01_26/282458764/

29/01/2015 VATICANO, Papa: Dio salva ognuno personalmente, ma "in un popolo", non "solo me" e il "mio gruppetto"
"C'è il pericolo di dimenticare che Lui ci ha salvato singolarmente, ma in un popolo. In un popolo. Sempre il Signore salva nel popolo". Per non "privatizzare" la salvezza, "devo chiedere a me stesso se io parlo, comunico la fede; parlo, comunico la speranza; parlo, faccio e comunico la carità.
Città del Vaticano (AsiaNews) - Dio salva ognuno personalmente, ma "in un popolo", non "solo me" e il "mio gruppetto", la mia "élite ecclesiale". Perché la salvezza non va privatizzata. L'ha detto papa Francesco durante la Messa di questa...
29/01/2015 GIAPPONE - SIRIA - ISLAM
Tokyo, ore di ansia: scade l'ultimatum dello Stato islamico
I terroristi hanno ancora un ostaggio giapponese, Kenji Goto Jogo, e un militare giordano, il tenente Muath al-Kaseasbeh. Le trattative scadono al tramonto, ora siriana. I terroristi vogliono la liberazione della kamikaze mancata Sajida al-Rishawi. Tokyo impotente lascia la gestione dei dialoghi ad Amman.     29/01/2015 ASIA
La missione alle genti è in Asia
di Piero Gheddo
I viaggio apostolici di Francesco in Corea, Sri Lanka e Filippine confermano che la scelta missionaria è ancora di enorme attualità. La Chiesa deve sostenere e sviluppare questo suo aspetto, per portare la "buona notizia" di Cristo a quei popoli che ancora la ritengono diretta emanazione dell'Occidente coloniale. L'impegno del Pime.
29/01/2015 INDIA
Vescovo indiano: Per salvare le bambine dagli aborti selettivi, educhiamo le coscienze
La Corte suprema vieta a Google, Yahoo e Microsoft di pubblicizzare i test per la determinazione del sesso del feto. Il Primo ministro lancia due nuovi programmi per favorire l'istruzione e l'emancipazione delle bambine. Presidente dell'Ufficio per le donne della Conferenza episcopale dell'India (Cbci) ad AsiaNews: "La società indiana è maschilista, necessario aiutare tutte le donne ad avere coscienza di sé e a emanciparsi".    29/01/2015 EGITTO - ISLAM
Portavoce Chiesa cattolica: L'Egitto di al Sisi è più liberale sulle nuove chiese e sulla libertà di espressione
Il governo ha dato il permesso per costruire una nuova chiesa nella Nuova Cairo e due nell'Alto Egitto. Le domande risalgono a 8-10 anni fa. Mubarak non ha mai favorito la costruzione di chiese. Dopo le elezioni e il nuovo parlamento, vi è l'obbligo di varare una legge più moderna per la costruzione dei luoghi di culto. La bozza è stata preparata da rappresentanti delle chiese cristiane. Allo studio anche una legge sulla famiglia cristiana.
29/01/2015 MYANMAR
Anche in Myanmar si abbattono le croci. Cristiani Chin pronti alla galera per difenderle
di Francis Khoo Thwe
Costruita da alcuni fedeli di Hakha, la croce nel mirino del governo locale è alta 16 metri ed è posta sulle colline attorno alla capitale. Le autorità ne hanno ordinato la rimozione perché “priva dei permessi necessari” e intendono processare i costruttori. Cristiano Chin: "Non rimuoveremo la croce, il carcere non mi spaventa". Attivista pro-diritti umani: "Decennale discriminazione contro i cristiani".     29/01/2015 SRI LANKA
Sri Lanka, reinsediato l'ex presidente della Corte suprema
di Melani Manel Perera
Il neo-presidente Maithripala Sirisena ha restituito a Shirani Bandaranayake il suo incarico, da cui era stata esautorata nel 2013 con una controversa mozione di impeachment. Il precedente governo aveva "punito" il giudice per una serie di sentenze espresse contro lo Stato.
29/01/2015 COREA DEL NORD
Corea del Nord, "attività sospette" nei pressi del reattore atomico Yongbyon
Immagini satellitari rivelano l'accensione di una grande fonte di calore nei pressi della struttura. Questa, ferma da cinque mesi, può fornire plutonio per la bomba atomica. I "Colloqui a sei" sul disarmo della penisola sono in stallo dal 2008.    29/01/2015 ISRAELE-SIRIA-LIBANO
Calma apparente sul confine, dopo la morte di due soldati israeliani e un soldato dell'Onu
Aumentate le truppe israeliane al confine. Aerei militari sorvolano la zona. L'ambasciatore spagnolo all'Onu punta il dito contro Israele per la morte del soldato dell'Unifil. Ban Ki-moon chiede calma e moderazione alle parti per evitare un'escalation.
29/01/2015 CAMBOGIA - VIETNAM
Continua l’esodo dei montagnard in Cambogia, per sfuggire alle persecuzioni di Hanoi
Altre 18 persone, fra cui due donne, hanno lasciato i villaggi di origine e superato il confine. Essi hanno cercato riparo in una zona remota, nella foresta della provincia nord-orientale di Rattanakiri. Attivista cambogiano: "Sono in cerca di asilo politico e contano sull’aiuto dell’Onu".     29/01/2015 INDONESIA
Jakarta pronta a giustiziare altri cinque narcotrafficanti. La Chiesa: Curate le dipendenze
di Mathias Hariyadi
La procura generale annuncia l’imminente esecuzione di altri condannati a morte per traffico di droga. Confermata la linea dura voluta dai vertici della giustizia, col sostegno del presidente Jokowi. Per i vescovi, contrari alla pena di morte, essenziali gli interventi nel campo della prevenzione e del contrasto al consumo.
28/01/2015 EGITTO
Contro la tradizione arabo-islamica, le donne egiziane iniziano a usare la bicicletta
Secondo gli uomini del più popoloso Paese sunnita, le donne in bicicletta "sono scostumate". Traffico, scarsa sicurezza e mancanza di piste ciclabili al Cairo. Biciclette fanno risparmiare soldi e benzina. Go Bike incoraggia l'uso della bici. Presidente al-Sisi sostiene le due ruote con una maratona 28/01/2015 ISRAELE-SIRIA-LIBANO, Scambio di fuoco fra Israele e Hezbollah. Feriti alcuni soldati israeliani, Un missile di Hezbollah ha colpito veicoli militari israeliani. Colpi di mortaio da Israele su villaggi al confine. Cresce la tensione dopo l'attacco israeliano in cui sono morti sei Hezbollah e un generale iraniano. Stanotte aerei di Israele hanno colpito basi siriane a Quneitra e vicino all'aeroporto internazionale di Damasco.
28/01/2015 COREA
Leader religiosi coreani a Pyongyang per pregare per la pace
La Conferenza coreana delle religioni per la pace ha ottenuto dal regime del Nord il permesso di organizzare un incontro nella capitale a ridosso del 70mo anniversario della liberazione dall'occupazione coloniale giapponese. A Seoul, invece, arrivano studiosi musulmani dall'Iran per "eliminare le crescenti incomprensioni sull'islam".    28/01/2015 INDIA - STATI UNITI
India, leader cristiano: Grazie a Obama, che ha difeso la nostra libertà religiosa
di Nirmala Carvalho
Durante la visita ufficiale in India, il presidente statunitense è intervenuto a difesa della libertà di culto, ricordando l’art. 25 della Costituzione. Sajan K George plaude alle parole del leader Usa, in una nazione "dove sono ancora frequenti le violenze contro le minoranze, in particolare i cristiani". Il sostegno di movimenti estremisti indù al governo, “macchia” nelle credenziali laiche del Paese.

28/01/2015 ARABIA SAUDITA
Una selva di croci e nomi di martiri nel deserto dell'Arabia saudita
28/01/2015 VATICANO
Papa: l'assenza del padre, un male che colpisce famiglia e società
28/01/2015 CINA
Shanghai, l'appello del governo: Fate più figli o la città crolla
28/01/2015 MYANMAR
Migliaia di studenti in marcia verso Yangon, contro la riforma dell'istruzione di Francis Khoo Thwe
28/01/2015 LIBANO-MEDIO ORIENTE
Patriarchi dell'Oriente: Per la pace occorre fermare il terrorismo, aiutare i profughi, risolvere il problema israelo-palestinese di Paul Dakiki
28/01/2015 THAILANDIA
Bangkok, in prigione il leader delle Camicie rosse per "diffamazione"
28/01/2015 GIAPPONE - SIRIA - ISLAM
Tokyo, leader di tutte le religioni pregano per gli ostaggi dello Stato islamico
27/01/2015 SRI LANKA
Sri Lanka, i tamil accolgono "con speranza e timore" il nuovo presidente di Melani Manel Perera
27/01/2015 INDONESIA
Jakarta: movimento di intellettuali cattolici, per rafforzare la presenza della Chiesa nella società di Royani Lim
27/01/2015 CAMBOGIA
Phnom Penh, edificare la Chiesa a partire "dal tronco" di Mario Ghezzi
27/01/2015 VATICANO
Papa: Quaresima, tempo di rinnovamento personale e comunitario per vincere la globalizzazione dell'indifferenza
27/01/2015 TURCHIA - SIRIA
La vittoria kurda a Kobane preoccupa Erdogan
27/01/2015 VATICANO
Papa: compiere la volontà di Dio "non è facile", per questo bisogna pregare per conoscerla e seguirla
27/01/2015 MALAYSIA - ISLAM
Arcivescovo di Kuala Lumpur: la parola “Allah” può essere usata nella Bibbia e a messa

29/01/2015 MYANMAR Anche in Myanmar si abbattono le croci. Cristiani Chin pronti alla galera per difenderle. di Francis Khoo Thwe. Costruita da alcuni fedeli di Hakha, la croce nel mirino del governo locale è alta 16 metri ed è posta sulle colline attorno alla capitale. Le autorità ne hanno ordinato la rimozione perché “priva dei permessi necessari” e intendono processare i costruttori. Cristiano Chin: "Non rimuoveremo la croce, il carcere non mi spaventa". Attivista pro-diritti umani: "Decennale discriminazione contro i cristiani". Yangon (AsiaNews) - Il governo dello Stato Chin, nell'ovest del Myanmar, ha ordinato la rimozione di una croce alta più di 16 metri, costruita da un gruppo di cristiani e innalzata (nella foto) sulle colline che dominano Hakha. Le autorità hanno inoltre incriminato un fedele della zona, Tial Cem, anziano rappresentante della comunità Chin e fra i promotori dell'iniziativa che ha portato alla realizzazione del simbolo cristiano. A denunciare il nuovo caso di violazione alla libertà religiosa in Myanmar è il movimento attivista Chin Human Rights Organization (Chro), secondo cui le autorità della zona hanno imposto la data di domani, 30 gennaio, come termine ultimo per l'abbattimento della croce piantata sul colle di Caarcaang.
Per il governo dello Stato - forse sostenuto in questa battaglia dalle autorità centrali a Naypyidaw - la croce sarebbe stata innalzata lo scorso aprile "senza i permessi necessari"; a questo si aggiunge l'uso di legno di pino, tagliato in modo illegale e senza la preventiva autorizzazione da parte delle autorità Chin. Per questi due "reati" rischiano di essere processati alcuni esponenti della comunità cristiana locale, fra cui lo stesso Tial Cem e J.P. Biak Tin Sang, un altro fedele coinvolto nel progetto.
Del resto già in passato, come emerge da un rapporto pubblicato dal Chro, i cristiani Chin sono stati oggetto di restrizioni e vincoli alla pratica del culto; le autorità hanno negato la costruzione di chiese e simboli religiosi e hanno abbattuto almeno 13 croci in varie zone dello stato, quattro delle quali sotto l'attuale governo. Anche per questo la comunità di Hakha, capitale dello Stato, non ha chiesto autorizzazioni prima di procedere alla costruzione della croce, ben sapendo che non sarebbe stata concessa.
Per l'abbattimento "illegale" dei pini, che peraltro si trovavano all'interno della proprietà di J.P. Biak Tin Sang, il cristiano Tial Cem rischia fino a due anni di prigione. Tuttavia, lo stesso Tial Cem non intende rinunciare al proprio lavoro e conferma che "non rimuoveremo la croce" e "affronteremo tutto quello che ci toccherà: se le autorità mi diranno che devo andare in prigione, non mi spaventerò... Sono pronto alla galera per tutto questo".
In queste ore la comunità cristiana Chin intende promuovere una grande manifestazione a difesa della libertà religiosa, anche se le autorità non sembrano intenzionate a concedere l'autorizzazione (necessaria per una dimostrazione di piazza). Salai Bawi Lian Mang, direttore esecutivo Chro, sottolinea che "l'ordine di smantellare e rimuovere la croce è il seguito di una decennale discriminazione contro i cristiani Chin". Egli auspica che le autorità acconsentano a "lasciare la croce dove è" e "facciano cadere le accuse contro Tial Cem".

01/29/2015. MYANMAR. Chin Christians ready to go to jail to stop cross removal. by Francis Khoo Thwe. Built by members of the Christian community in Hakha, the 16-metre cross targeted by local authorities stands on a hill that overlooks the state capital. Since it lacked the proper permit, the authorities ordered the cross' removal and said that they would prosecute its builders. "If the authorities say I have to go to jail, I am not afraid; I am ready to go to jail for this case," a Chin Christian said. For human rights activists, such an action "continues a decades-long pattern of religious discrimination against Chin Christians."
Yangon (AsiaNews) - The authorities in Chin State, western Myanmar, have issued a demolition order for a 16-metre cross (pictured) built by a group of Christians on a hill overlooking Hakha. They are also pressing ahead with charges against a local Christian, Tial Cem, a Chin elder who was involved in building the Christian symbol.
In reporting the latest case of religious freedom violation in Myanmar, the Chin Human Rights Organisation (CHRO) said that local authorities also imposed a deadline, tomorrow, for the removal of the cross on Caarcaang hill.
For the State Government, backed perhaps by Myanmar's central authorities, the cross was built last April "without the necessary permits." What is more, the pinewood used in the structure was cut illegally and without prior permission from state authorities.
For these two "crimes," some members of the local Christian community could go trial, including Tial Cem himself, and JP Biak Tin Sang, another Christian involved in the project. A CHRO report indicate that Chin Christians' right to worship was subject to restrictions and constraints in the past. The authorities have not allowed them to build churches or use religious symbols and have torn down at least 13 crosses in various parts of the state, four under the current government alone.
For this reason, Christians in the state capital of Hakha did not seek permission before putting up of their cross, knowing full well that it would not be granted.
Now Tial Cem faces up to two years in prison for "illegally" cutting pine trees, this despite the fact that they were taken from the property of JP Biak Tin Sang, who is also Christian. Tial Cem himself has no intention of giving his work and insisted that he "would not remove the cross".
"We will have to face whatever it takes," he explained. "If the authorities say I have to go to jail, I am not afraid; I am ready to go to jail for this case".
Against this background, Chin Christians are planning a major rally in defence of religious freedom, even if the authorities seem unwilling to issue the necessary permit.
For CHRO's Executive Director Salai Bawi Lian Mang, "This order to dismantle and remove the cross continues a decades-long pattern of religious discrimination against Chin Christians". Still, he hopes the authorities will "allow the cross to remain where it is and drop the charges against Tial Cem."

04/17/2009 MYANMAR
Kachin Christians forced to pay tax for Buddhist holiday
05/05/2006 MYANMAR
Myanmar's prisons running out of medicines
11/28/2006 MYANMAR
Myanmar forces Red Cross to close 5 centres
03/23/2011 BHUTAN
Archbishop on secret visit to Bhutan’s Christians, first in 18 years
by mons. Thomas Menamparampil, sdb
05/29/2013 MYANMAR
Shan: curfew and police to stem further violence between Buddhists and Muslims
================
29/01/2015. MYANMAR. También en Myanmar se abaten las cruces. Cristianos Chin dispuestos a ir a la cárcel por defenderlas. de Francis Khoo Thwe
Construida por algunos fieles de Hakha, la cruz en la mira del gobierno local tiene 16 metros de alta y puesta en una colina en torno a la capital. La autoridad ha ordenadovsu remoción porque "no tiene los permisos necesarios" e intentan procesar a sus constructores. Cristianos Chin: "no removeremos la cruz, la cárcel no nos asusta". Activista pro-derechos humanos: "décadas de discriminación contra los cristianos".
Yangon (AsiaNews) - El gobierno del Estado Chin, al oeste de Myanmar, ha ordenado la remoción de una cruz de 16 metros de alta, construida por un grupo de cristianos y alzada (en la foto) sobre una colina que domina Hakha. La autoridad ha incriminado también a fieles de la zona. Tial Cem, anciano representante de la comunidad China y entre los promotores de la iniciativa que ha llevado a la realización del símbolo cristiano. Denunciando el nuevo caso de violación de la libertad religiosa en Myannar está el movimiento activista Chin Human Rights Organización (Chro), según el cual las autoridades de la zona han puesto la fecha de mañana 30 de enero como término para el abatimiento de la cruz plantada sobre la colina de Caarcaang.
Para el gobierno del Estado - sostenido en esta batalla por la autoridad central de Naypydaw - la cruz fue alzada en abril pasado "sin los permisos necesarios", a lo cual se le añade el uso de madera de pino, talado en modo ilegal y sin la preventiva autorización de parte de la autoridad China. Por estos dos "delitos" serán procesados algunos exponentes de la comunidad cristiana local entre ellos el mismo Tial Cem y J.P. Biak Tin Sangre, otro fiel involucrado en el proyecto.
Como ya ha ocurrido anteriormente y publicado por el Chro, los cristianos China han sido objeto de restricciones y limitaciones en la práctica del culto; la autoridad ha negado la construcción de la iglesia y símbolos religiosos y han abatido al menos 13 cruces en varias zonas del Estado, cuatro de las cuales en el actual gobierno. También por esto la comunidad de Hakha, capital del Estado, no han pedido autorización antes de proceder a la construcción de la cruz, ya que saben que no será concedida. Por el abatimiento "ilegal" del pino, que se encontraba al interior de la propiedad de J.P. Biak Tin Sangre, el cristiano Tial Cem podría sufrir dos años de prisión. Todavía el mismo Tial Cem no quiere renunciar a su trabajo y confirma que "no removeremos la cruz" y "afrontaremos todo lo que nos llegue: si la autoridad me amenaza que debo ir a la cárcel, no me asusta... Estoy listo para ir a la cárcel por todo esto".
A esta hora la comunidad cristiana China puestos intenta promover una gran manifestación en defensa de la libertad religiosa aunque las autoridades ni tienen ninguna intención de conceder la autorización (necesaria para una demostración de plaza). Salai Bawi Lían Manga, director ejecutivo Chro, subraya: "la orden de desmantelar y remover la cruz sigue a décadas de discriminación contra los cristianos China". El espera que la autoridad consienta y "deje la cruz donde está" y "retiren la acusación contra Tial Cem".
========================
28/11/2006. MYANMAR. Myanmar, Croce Rossa costretta a chiudere 5 centri, Si occupavano di aiuti umanitari alle minoranze etniche; dopo il divieto di visitare i prigionieri politici, la giunta mette fine al lavoro dell'agenzia nel Paese.
Yangon (AsiaNews/Agenzie) – La giunta militare birmana ha ordinato la chiusura di 5 centri della Croce Rossa nel Paese, mettendo fine al lavoro umanitario dell'agenzia internazionale nelle aree dove più acuto è il conflitto etnico. Il Comitato internazionale della Croce Rossa (ICRC), a cui già era stato vietato visitare i numerosi prigionieri politici in Myanmar, fa sapere che negli ultimi mesi ha dovuto ridurre il suo impegno nel Paese a pochi progetti rivolti a persone che hanno subito amputazioni.
In un comunicato stampa sul suo sito Internet, l'ICRC denuncia che i programmi di assistenza ai civili nelle aree di confine popolate dalle minoranze etniche, dove da decenni è in atto una strisciante guerra civile, "sono stati in un primo momento ostacolati e in seguito del tutto impediti". "L'ICRC - si legge nel comunicato - condanna la decisione delle autorità birmane di chiudere i suoi centri sul campo". "Questo - continua - mette a rischio il lavoro umanitario già portato a termine in nome dei più vulnerabili tra la popolazione, in particolare dei detenuti e degli abitanti delle zone più sensibili del Paese". L'agenzia con sede a Ginevra sta comunque cercando di riprendere un "dialogo costruttivo" con la giunta sul tema degli aiuti e delle visite nelle carceri, ma finora ogni sforzo è risultato vano. L'ultimo incontro tra il presidente del ICRC, Jakob Kellenberger, e l'ambasciatore del Myanmar presso le Nazioni Unite a Ginevra si è svolto lo scorso 17 novembre. Al momento non vi sono commenti ufficiali da parte della giunta.
Da decenni l'ex Birmania è sotto dittatura militare; al governo centrale, responsabile di violazioni dei diritti umani e del collasso economico, si oppongono decine di milizie formate su base etnica. Secondo l'Onu, il Myanmar detiene più di 1100 prigionieri politici.
La Birmania è un paese multi-religioso. Quella Theravāda è la tradizione buddhista più diffusa, a cui sono stati aggiunte credenze locali. Secondo il governo militare, è praticata dall'89% della popolazione, specialmente fra Bamar, Rakhine, Shan, Mon e Cinesi.
Il Cristianesimo è praticato dal 4% della popolazione,[] principalmente presso i Kachin, Chin e i Karen, a causa del lavoro missionario nelle loro rispettive aree. Circa tre quarti dei cristiani del paese sono Protestanti, in particolare Battisti della Myanmar Baptist Convention; i Cattolici compongono il resto. L'Islam, principalmente sunnita, è praticato dal 4% della popolazione secondo il censimento del governo.
Le popolazioni cristiane e musulmane sono di fronte a una persecuzione religiosa. Il governo militare ha revocato la cittadinanza dei musulmani Rohingya nel Rakhine settentrionale e ha attaccato le minoranze etniche cristiane. Tale persecuzione è particolarmente evidente nella Birmania orientale, dove più di 3000 villaggi sono stati distrutti negli ultimi dieci anni
01/29/2015 VATICAN
Pope: God saves everyone personally, but "as a people", not "just me" and "my group"
"There is a danger of forgetting that He saved us individually, but as part of a people. A people. Always the Lord saves us as part of a people”. We must not "privatize" salvation, "I have to ask myself whether I speak and communicate the faith; whether I speak and communicate hope; whether I speak, do and communicate charity”.
Vatican City (AsiaNews) - God saves everyone personally, but as "a people", not "just me" and "my group", my " ecclesial elite ". Because salvation must not to be privatized, warned Pope Francis at Mass this morning in Casa Santa Marta, commenting on a passage...
01/29/2015 JAPAN - SYRIA - ISLAM
Anxious hours in Tokyo, as Islamic State ultimatum expires
Terrorists still hold a Japanese hostage, Kenji Goto Jogo, and a Jordanian pilot, Lt Muath al-Kaseasbeh. Negotiations are set to expire at sunset (Syrian time). Terrorists want the release of failed suicide bomber Sajida al-Rishawi. Helpless, Tokyo leaves negotiations in Jordanian hands.    01/29/2015 ASIA
The mission to the nations is in Asia, by Piero Gheddo, Francis' apostolic journeys to Korea, Sri Lanka and the Philippines indicate that the missionary choice is still of huge relevance. The Church must support and develop this aspect, and bring Christ's "Good News" to those peoples who still consider it as an emanation of Western colonialism. In this, PIME has a task to play.
01/29/2015 INDIA, For Indian bishop, to save girls from selective abortions, minds must be educated, The Supreme Court orders Google, Yahoo and Microsoft to ban pre-natal sex selection ads. Prime Minister launches two new programmes to educate and empower girls. "Indian society is sexist," CBCI Office for Women chairman told AsiaNews. thus, Indian women must be helped "to be aware and empower themselves".    01/29/2015 EGYPT - ISLAM
For Catholic Church spokesman, al-Sisi's Egypt is more liberal on new churches and freedom of expression
The government has issued construction permits for a new church in New Cairo and two in Upper Egypt. Some permit applications go back 8-10 years. Mubarak never favoured church construction. After the elections, the new parliament is required to upgrade legislation governing the construction of places of worship. Representatives of Christian Churches drafted the bill. A Christian family law is also on the drawing board.
01/29/2015 MYANMAR
Chin Christians ready to go to jail to stop cross removal
by Francis Khoo Thwe
Built by members of the Christian community in Hakha, the 16-metre cross targeted by local authorities stands on a hill that overlooks the state capital. Since it lacked the proper permit, the authorities ordered the cross' removal and said that they would prosecute its builders. "If the authorities say I have to go to jail, I am not afraid; I am ready to go to jail for this case," a Chin Christian said. For human rights activists, such an action "continues a decades-long pattern of religious discrimination against Chin Christians."    01/29/2015 SRI LANKA
Sri Lanka, former Supreme Court president reinstated
by Melani Manel Perera
The new president Maithripala Sirisena has returned Shirani Bandaranayake to office, from which she was removed in 2013 with a controversial impeachment motion. The previous government had "punished" the judge for a number of judgments made against the state.
01/29/2015 NORTH KOREA
North Korea, "suspicious activities" near Yongbyon atomic reactor
Satellite images reveal source of great heat in the vicinity of reactor. After five month stop, reactivation raises fears it may provide plutonium for the atomic bomb. "Six-Party Talks" on the disarmament of the peninsula stalled since 2008.    01/29/2015 ISRAEL-LEBANON-SYRIA
Apparent calm on the border, after the death of two Israeli and one UN soldier
Increased Israeli troops on the border. Military aircraft patrol the area. The Spanish ambassador to the UN blames Israel for the death of the UNIFIL soldier. Ban Ki-moon calls for calm and restraint on the parties to avoid an escalation.
01/29/2015 CAMBODIA - VIETNAM
Montagnards flee to Cambodia, to escape Hanoi’s persecution
18 more people, including two women, have left the villages of origin and crossed the border. They sought shelter in a remote area, in the forest of the northeastern province of Rattanakiri. Cambodian activist: "They are seeking political asylum and count on UN help”.    01/29/2015 INDONESIA
Jakarta ready to execute five more drug traffickers. Church calls for addiction treatment
by Mathias Hariyadi
The prosecutor general announces the imminent execution of more people sentenced to death for drug trafficking. Hardline of Justice chiefs supported by President Jokowi. Bishops, opposed to the death penalty, call for investment in adduction prevention and awareness campaign.
01/28/2015 EGYPT
Braving Arab-Islamic tradition, Egyptian women are beginning to use the bicycle
Most men in the Arab world's largest Sunni nation view women who ride a bicycle as "shameless". However, despite the traffic, poor safety and lack of bike lanes in Cairo, riding saves time and money (for gas). Go Bike encourages cycling. President al-Sisi did the same by taking part in a cycling marathon.    01/28/2015 ISRAEL - LEBANON - SYRIA
Israel and Hizbollah trade fire after Israeli soldiers are wounded
After Hizbollah shells Israeli military convoy, Israel shells Lebanese border villages. Tensions rose after an Israeli attack killed six Hizbollah militants and an Iranian general. Overnight, Israeli planes hit Syrian bases near Quneitra and the Damascus International Airport.
01/28/2015 KOREA
Korean religious leaders in Pyongyang to pray for peace
North Korea allows the Korean Conference of Religions for Peace to organise a meeting in its capital to mark the 70th anniversary of liberation from Japanese colonial rule. In Seoul, Iranian religious from Iran take part in a conference to counter misunderstandings about Islam.    01/28/2015 INDIA - UNITED STATES
Christian leader thanks to Obama for defending freedom of religion
by Nirmala Carvalho
During his official visit to India, the US president spoke out in defence of freedom of worship, citing Article 25 of the Indian Constitution. Sajan K George welcomed the words of the US leader in a nation "where violence against minorities, especially Christians, is commonplace." Hindu extremist movements support the government, a "stain" on the country's secular credentials.
29/01/2015 VATICANO
Papa: Dios salva a cada uno personalmente, pero "en un pueblo", no "sólo a mí" y a "mi grupito"
"Existe el peligro de olvidar que Él nos ha salvado singularmente, sino en un pueblo. En un pueblo. Siempre el Señor salva en el pueblo". Pero no "privatizar" la salvación "debo pedir a mí mismo si yo hablo, comunico la fe; hablo, comunico la esperanza, hablo, hago y comunico la caridad.
Ciudad del vaticano (Asianews) Dios salva a cada uno personalmente, pero "en un pueblo", no "sólo a mí" y a "mi grupito", mi "elite eclesial". Porque la salvación no va privatizada. Lo dijo el Papa Francisco durante la misa de...
29/01/2015 JAPON - SIRIA -ISLAM
Tokio, hora de ansiedad: finaliza ultimátum del Estado islámico
Los terroristas tienen aún un rehén japonés, Kenji Voto Jogo, y un militar jordano, el teniente Muath al-Kaseasbeh. Las negociaciones terminan al ocaso, hora siria. Los terroristas quieren la liberación de la kamikaze Sajida al-Rishawi. Tokio impotente deja la gestion del diólogo a Amman 29/01/2015 ASIA, La misión a las gentes está en Asia
de Piero Gheddo, Los viajes apostólicos de Francisco a Corea, Sri Lanka y Filipinas confirman que la elección misionera es todavía de enorme actualidad. La Iglesia debe apoyar y este aspecto suyo, para llevar la "buena noticia" de Cristo a aquellos pueblos que todavía la consideren como una directa emanación de Occidente colonial. El compromiso del Pime.
29/01/2015 INDIA
Obispo hindú: Para salvar a las niñas de los abortos selectivos, eduquemos las conciencias
La corte suprema le prohíbe a Google, Yahoo y Microsoft publicitar los test para la determinación del sexo de los fetos. El Primer ministro lanza dos nuevos programas para favorecer la instrucción y la emancipación de las niñas. Presidente de la Oficina para las mujeres de la Conferencia episcopal de India (Cbci) a AsiaNews: "La sociedad hindú es machista, es necesario ayudar a todas las mujeres a tener conciencia de sí y a emanciparse".     29/01/2015 EGIPTO
Portavoz de la Iglesia Catlica: el Egipto de al Sisi es más liberal con las nuevas iglesias y la libertad de expresión
El gobierno para construir una nueva iglesia en la Nueva Cairo y dos en el Alto Egipto. El pedido se había hecho hace 8-10 años. Mubarak no ha favorecido la construcción de iglesias. Después de la elección del nuevo parlamento, ha obligado a emitir una nueva ley más moderna para la construcción de lugares de culto. El borrador ha sido redactado por representantes de la Iglesia católica. En estudio una ley sobre la familia cristiana.
MYANMAR
También en Myanmar se abaten las cruces. Cristianos Chin dispuestos a ir a la cárcel por defenderlas
de Francis Khoo Thwe
Construida por algunos fieles de Hakha, la cruz en la mira del gobierno local tiene 16 metros de alta y puesta en una colina en torno a la capital. La autoridad ha ordenadovsu remoción porque "no tiene los permisos necesarios" e intentan procesar a sus constructores. Cristianos Chin: "no removeremos la cruz, la cárcel no nos asusta". Activista pro-derechos humanos: "décadas de discriminación contra los cristianos".     SRI LANKA
Sri Lanka, reinstalado la ex presidente de la Corte suprema
de Melani Manel Perera
El neo-presidente Maitrhipsls Sirisena restituyó a Shirani Bandaranayake en su cargo, de la cual fue desautorizada en el año 2013 con una arbitraria moción de impeachment. El precedente gobierno había "castigado" al juez por una serie de sentencias tomadas contra el estado.
COREA DEL NORTE
Corea del Norte, "actividades sospechosas" en la cercanía del reactor atómico Yongbyon
Imágenes satelitales revelan el ascenso de una gran fuente de calor en cercanías de la estructura. Esta, cerrada hace cinco meses, puede producir plutonio para la bomba atómica. Los "diálogos a seis" sobre desarme de la península están en detenidos desde el 2008.     ISRAEL-SIRIA-LIBANO
Calma aparente en la frontera, después de la muerte de 2 soldados israelíes y un soldado de la Onu
Aumentan las tropas israelíes en la frontera. Aviones militares sobrevuelan la zona. El embajador español en la Onu acusa a Israel por la muerte del soldado de la Unifil. Bank i-moon pide calma y moderación a las partes para evitar una escalada.
CAMBOYA - VIETNAM
Continúa el éxodo de los montagnard en Camboya, para escapar de las persecuciones
Otras 18 personas, entre las cuales 2 mujeres, han dejado los pueblos de origen y superada la frontera. Ellos han buscado reparo en una zona remota, en la foresta de la provincia nord-oriental de Rattanakiri. Activista camboyano: "Están buscando el asilo político y cuentan con la ayuda de la Onu".     INDONESIA
Yakarta lista para justiciar a otros 5 narcotraficantes. La Iglesia: Cuidad las independencias
de Mathias Hariyadi
La fiscalía general anuncia la inminente ejecución de otros condenados a muerte por tráfico de droga. Confirmada la línea dura querida por los vértices de la justicia, son el apoyo del presidente Jokowi. Para los obispos, contrarios a ña pena de muerte, esenciales las intervenciones en el campo de la prevención y del control en la consumición
EGIPTO
Contra la tradición árabe-islámica, las mujeres egipcias inician a usar la bicicleta
Según los hombres del más poblado país sunnita, las mujeres en bicicleta "son indecentes". Tráfico, poca seguridad y falta de pistas ciclísticas en el Cairo. Las bicicletas hacen ahorrar dinero y carburante. Go Bibe alienta al uso de la bicicleta- El presidente Al-Sisi apoya las dos ruedas con una maratón.     ISRAEL-SIRIA-LIBANO
Intercambio de fuego entre Israel y los Hezbollah. Heridos algunos soldados israelíes
Un misil de Hezbollah impactó en unos vehículos militares israelíes. Golpes de mortero de Israel contra los pueblos de frontera. Crece la tensión después del ataque israelí en el cual murieron 6 Hezbollah y un general iraní. Esta noche aviones de Israel atacaron bases sirias en Quneitra y cerca del aeropuerto internacional de Damasco.
COREA
Líderes religiosos coreanos en Pyongyang para rezar por la paz
La conferencia coreana de las religiones para la paz obtuvo del régimen del Norte el permiso de organizar un encuentro en la capital cerca del 70° aniversario de la liberación de la ocupación colonial japonesa. En Seúl, en vez, llegan estudiosos musulmanes de Irán para "eliminar las crecientes incomprensiones sobre el islam".     INDIA - ESTADOS UNIDOS
India, líder cristiano: Gracias a Obama, que defendió nuestra libertad de religión
de Nirmala Carvalho
Durante la visita oficial a la India, el presidente estadounidense habló en defensa de la libertad de culto, recordando el art. 25 de la Constitución. Sajan K George acoge con satisfacción las palabras del líder de los Estados Unidos, en una nación "donde es frecuente la violencia contra las minorías, especialmente los cristianos". El apoyo de los movimientos extremistas hindúes al gobierno, "mancha" en las credenciales seculares del país.

ARABIA SAUDITA
Una selva de cruces y nombres de mártires en el desierto de Arabia Saudita
VATICANO
Papa: la ausencia del padre, una enfermedad que afecta a la familia y la sociedad
CHINA
Shangai, la llamada del gobierno: tener más hijos o la ciudad se derrumba.
MYANMAR
Miles de estudiantes en marcha hacia Yangon, contra la de Francis Khoo Thwe
LIBANO-MEDIO ORIENTE
Patriarcas de Oriente: Para la paz es necesario frenar al terrorismo, ayudar a los prófugos, resolver el problema israelí-palestino de Paul Dakiki
TAILANDIA
Bangkok, en prisión el líder de las Camisas rojas por "difamación"
JAPON - SIRIA - ISLAM
Tokio, líderes de todas las religiones rezan por los rehenes del Estado islámico
SRI LANKA
Sri Lanka, los tamil reciben "con esperanza y temor" al nuevo presidente de Melani Manel Perera
INDONESIA
Jakarta: movimiento de intelectuales católicos, para reforzar la presencia de la Iglesia en la sociedad de Royani Lim
CAMBOYA
Phnom Penh, edificar la Iglesia a partir "del tronco" de Mario Ghezzi
VATICANO
Papa: Cuaresma, tiempo de renovación personal y comunitarios para vencer la globalización de la indiferencia
TURQUIA - SIRIA
La victoria kurda en Kobane preocupa a Erdogan
VATICANO
Papa: Hacer la voluntad de Dios "no es fácil" por esto es necesario rezar para conocerla y seguirla
MALASIA
Arzobispo de Kuala Lampur: la palabra "Allah" puede ser usada en la Biblia y en misa.
28/01/2015
COREA
Líderes religiosos coreanos en Pyongyang para rezar por la paz
La conferencia coreana de las religiones para la paz obtuvo del régimen del Norte el permiso de organizar un encuentro en la capital cerca del 70° aniversario de la liberación de la ocupación colonial japonesa. En Seúl, en vez, llegan estudiosos musulmanes de Irán para "eliminar las crecientes incomprensiones sobre el islam".

Seúl (AsiaNews)- La Conferencia coreana de las religiones para la paz (Kcrp) obtuvo el permiso de las autoridades comunistas de Corea del Norte de organizar en Pyongyang un encuentro interreligioso para rezar por la paz. El evento se tendrá en la segunda mitad de 2015, cuando la península festejará el 70° aniversario de la liberación de la ocupación colonial japonesa. La Kcrp reúne a los representantes de las 7 mayores religiones sudcoreanas y lleva adelante encuentro de tipo ecuménico e interreligioso en todo el mundo.
Kim Kwang-jun, pastor anglicano y Secretario general del grupo, confirma: "Hemos terminado los coloquios preliminares con la Conferencia de las religiones del Chosun, el grupo gubernamental que representa a las 5 religiones presentes en Corea del Norte. Los eventos previstos se tendrán entre agosto y septiembre próximo. Entre los lugares tomados en consideración están Pyongyang y el monte Kumgang, pero es probable que finalmente vayamos a la capital del Norte".
Además de la oración interreligiosa por la paz, están en programa un musical en el Cuartel general del Partido de los trabajadores del condado de Cheorwon. El programa tuvo ya la autorización del Ministerio nord-coreano de Asuntos religiosos y el de Exteriores; falta solamente el del ministerio del Interior. Sin embargo, el Rev. Kim se dice "confiado" que esto "no tardará".
La Conferencia tiene además en programa para el 29 de enero un encuentro con algunos estudiosos musulmanes, provenientes de Irán. Reunidos en la Memorial Hall for the Histiry and Culture of Korean Buddhism de Seúl, hablarán del islam en Asia oriental. Según Kim "el evento fue organizado para combatir las incomprensiones siempre más grandes relativas a la religión islámica".
03/12/2013 COREA DEL NORTE
Pyongyang, continúan las purgas: "expurgado el tío de Kim Jong-un
03/12/2013 COREA DEL SUR - VATICANO
Obispo de Daejeon: La Evangelii Gaudium, brújula para la Iglesia coreana
de Joseph Yun Li-sun
06/10/2014 COREA
La "troika" de Pyongyang visita el Sur y reabre los canales del diálogo
30/06/2014 COREA
Corea, Pyongyang propone "paz" a Seúl porque teme a Beijing
25/04/2014 COREA - USA
Obama en Seúl, Pyongyang es la amenaza más peligrosa para el área Asia Pacífico
01/28/2015
KOREA
Korean religious leaders in Pyongyang to pray for peace
North Korea allows the Korean Conference of Religions for Peace to organise a meeting in its capital to mark the 70th anniversary of liberation from Japanese colonial rule. In Seoul, Iranian religious from Iran take part in a conference to counter misunderstandings about Islam.
Seoul (AsiaNews) - North Korea's Communist authorities will allow the Korea Conference of Religions for Peace (KCRP) to organise an interfaith gathering in Pyongyang to pray for peace.
The event will be held in the second half of 2015 when the Koreas will celebrate the 70th anniversary of the peninsula's liberation from Japanese colonial rule.
The KCRP represents seven of South Korea's major religious groups and organises ecumenical and interreligious meetings worldwide.
"We've finished sharing our ideas with the Choson Conference of Religions, a group representing the five major religious groups in North Korea," said Kim Kwang-jun, the Anglican priest who serves as the conference's secretary general.
The KCRP plans to hold the event between August and September with Mount Keumgang and Pyongyang as the venue, although Pyongyang appears more likely.
Kim also said that preparations were underway for a music recital for peace at the Korean Workers' Party Headquarters in Cheorwon County.
North Korea's Ministry of Religious Affairs and Foreign Ministry have already given their greenlight. Only the Ministry of Interior is left before the event takes place. However, Rev Kim said that he was confident that the latter would eventually authorise it.
The KCRP is also planning a seminar tomorrow between South Korean and Iranian religious scholars at the Memorial Hall for the History and Culture of Korean Buddhism in Seoul. The event is being organised to counter misunderstandings about Islam.

10/13/2006 SOUTH KOREA – NORTH KOREA
Korean Church: "Shocked by nuclear test but against use of force as deterrent"
by Joseph Yun Li-sun
10/13/2006 SOUTH KOREA – NORTH KOREA
Card. Cheong: "Let's wait patiently, nuclear crisis should be resolved peacefully"
by Joseph Yun Li-sun
08/17/2007 SOUTH KOREA - NORTH KOREA
Inter Korean summit, the Church urges “sincere” dialogue on economic issues
08/01/2006 NORTH KOREA – SOUTH KOREA
Crossfire on border between Koreas
06/20/2006 SOUTH KOREA – NORTH KOREA
Pyongyang's arrogance casts shadow on two peace meetings
by Pino Cazzaniga
==========================
28/01/2015 COREA
Leader religiosi coreani a Pyongyang per pregare per la pace
La Conferenza coreana delle religioni per la pace ha ottenuto dal regime del Nord il permesso di organizzare un incontro nella capitale a ridosso del 70mo anniversario della liberazione dall'occupazione coloniale giapponese. A Seoul, invece, arrivano studiosi musulmani dall'Iran per "eliminare le crescenti incomprensioni sull'islam".
Seoul (AsiaNews) - La Conferenza coreana delle religioni per la pace (Kcrp) ha ottenuto il permesso dalle autorità comuniste della Corea del Nord di organizzare a Pyongyang un incontro interreligioso per pregare per la pace. L'evento si terrà nella seconda metà del 2015, quando la penisola festeggerà il 70mo anniversario della liberazione dall'occupazione coloniale giapponese. La Kcrp riunisce i rappresentanti delle sette maggiori religioni sudcoreane e porta avanti incontri di tipo ecumenico ed interreligioso in tutto il mondo.
Kim Kwang-jun, pastore anglicano e Segretario generale del gruppo, conferma: "Abbiamo finito i colloqui preliminari con la Conferenza delle religioni del Chosun, il gruppo governativo che rappresenta le cinque religioni presenti in Corea del Nord. Gli eventi previsti si terranno fra agosto e settembre prossimo. Fra i luoghi presi in considerazione vi sono Pyongyang e il monte Kumgang, ma è probabile che alla fine andremo nella capitale del Nord".
Oltre alla preghiera interreligiosa per la pace, sono in programma un musical al Quartier generale del Partito dei lavoratori della contea Cheorwon. Il programma ha già ottenuto l'autorizzazione del ministero nordcoreano degli Affari religiosi e di quello degli Esteri; manca soltanto quello del ministero degli Interni. Tuttavia, il reverendo Kim si dice "fiducioso" che questo "non tarderà".
La Conferenza ha inoltre in programma per il 29 gennaio un incontro con alcuni studiosi musulmani provenienti dall'Iran. Riuniti nella Memorial Hall for the History and Culture of Korean Buddhism di Seoul, parleranno di islam e Asia orientale. Secondo Kim "l'evento è stato organizzato per combattere le incomprensioni sempre più grandi relative alla religione islamica".
20/06/2011 COREA
Una Messa al confine “per riprendere il dialogo”
di Joseph Yun Li-sun
30/11/2004 thailandia
Le religioni insieme per la pace nel sud della Thailandia
02/02/2006 COREA DEL SUD
Kim Dae-jung vuole tornare a Pyongyang
di Theresa Kim Hwa-young
16/10/2004 VATICANO - PAPA
Le Chiese d'Asia accanto al Papa nell'anniversario del pontificato
04/09/2006 vaticano
Papa: la religione non può che portare pace
===================================
Ashton, è la immacolata concezione di satana
youtube ] [ a facebook non gli va di ingoiare questo messaggio.. questo va capito.. lui non è come te: un coerente satanista: è soltanto un lurido massone! MI DISPIACE PAPA BERGOGLIO, è VERO CHE, I TUOI BILDENBERG farisei Illuminati Fmi Spa massoni, con cui tu hai voluto condividere le 640 scomuniche: contro; la massoneria: fatte: da una autentica chiesa cattolica, NON ancora modernista, non NEGANO L'OLOCAUSTO, MA, è ANCHE VERO CHE: INSIEME A TE: SONO I PIù SPIETATI NEMICI DI ISRAELE: E DEI MARTIRI CRISTIANI! INFATTI: VOI SIETE I COMPLICI DELLA SHARIAH.. e voi siete così beceri che per motivazioni politiche mi avete rimosso il mio ministero di Accolito: dopo 32 anni, senza motivazioni, ma, voi siete gli stessi che, voi state facendo il genocidio: contro: il popolo sovrano nel Donbass, perché, questo va detto: per voi Bildenberg? il popolo non è sovrano!!
"Non saprei spiegare perché accada, però credo che, in generale, l'antisemitismo sia più legato alle destre, si annidi meglio nelle correnti politiche di destra che in quelle di sinistra, no?". Lo dice il Papa nella intervista a La Vanguardia, aggiungendo che "negare l'Olocausto è una pazzia".
come no: io ho visto Erdogan 100 anni fa: come, lui ha fatto il genocidio degli armeni.. anche le donne: sono state crocifisse nude: sulle croci.. tutte le stesse cose, che, oggi stanno facendo, i suoi di: ISIS shariah, a cui certo, lui non potrebbe mai fare la guerra!
QUESTO è VERO: I MARTIRI CRISTIANI INNOCENTI DHIMMI, I TRADITORI, della IDEOLOGIa, SHARIAH, DELLA STATO ISLAMICO califfato OIC NAZISTA ONU, HANNO FRAINTESO LA RELIGIONE ISLAMICA! ] abdUuuuallah meglio per te, che, tu non fossi mai nato.. perché, i satanisti massoni l'anticristo: ti hanno detto: "tu puoi uccidere Israele, tu puoi uccidere i martiri cristiani!" questo non voleva dire che, tu potevi farlo! [ La Conferenza ha inoltre in programma per il 29 gennaio un incontro con alcuni studiosi musulmani provenienti dall'Iran. Riuniti nella Memorial Hall for the History and Culture of Korean Buddhism di Seoul, parleranno di islam e Asia orientale. Secondo Kim "l'evento è stato organizzato per combattere le incomprensioni sempre più grandi relative alla religione islamica". http://www.asianews.it/notizie-it/Leader-religiosi-coreani-a-Pyongyang-per-pregare-per-la-pace-33313.html

Bush 322 Kerry Satana Nitzsche culto Nwo Spa Fmi ]] quello che, io vi posso fare, da vivo, e 1000 volte di più da morto? [ perché, UNIUS REI è IMMORTALE ] sfugge ad ogni vostra comprensione.... è un vero peccato per voi, che, voi non siete dei gay passivi, che, non ci potete godere!

FACEBOOK tu non ti montare troppo la testa, perché, io: UNIUS REI, e Rothschild (NEL SUO PATETICO TENTATIVO DI FERMARMI) noi abbiamo trasformato quel coglione di un satanista: di youtube, in un idiota che: tu dentro: quasi non ci puoi più parlare... dopotutto, lo sanno tutti che, satana è un perdente!

USA SATANA... LASCIA STARE QUEL RAGAZZO! LA GIORDANIA DEVE SALVARE IL SUO PILOTA! Pilota giordano rapito dall'Isis. Amman: "Liberatelo"
=====================
@ISRAELE--los prestamistas satanistas Bildenberg fariseos rothschild masones salafistas, todos los monos Darwin talmud, espero ocultar, protegerse contra mí: escondiéndose detrás de los hombros del Papa, pero youtube que: es un caníbal satanista versado... Sabe muy bien que esto es inútil... no hay demonios, satanistas o extraterrestres: culto islámico: puede ocultar de mí... porque voy a ir a sacarlos, también, que agujero género Obama Satan en el infierno!
@my ISRAELE--les bailleurs de fonds de satanistes Bildenberg pharisiens rothschild salafistes de francs-maçons, tous singes Darwin talmud, ils espèrent se cacher, se protéger de moi : pour: à se cacher derrière : les épaules du pape : mais, youtube : qu'il est un cannibale sataniste versé... Il sait très bien que c'est complètement inutile... Il y a: pas : démons, satanistes ou étrangers : culte de la charia : que vous pouvez cacher de moi... parce que je vais aller chercher tous : d'entre eux, aussi, qui, aussi dans : trou sexe : par : Obama en enfer Satan !
@my ISRAELE -- the Satanists Bildenberg Pharisees moneylenders rothschild Freemasons Salafis, all monkeys Darwin talmud, they hope to hide, protect themselves from me: for: to hiding behind: the Pope's shoulders: but, youtube: that he is a cannibal Satanist versed.. He knows very well that this is completely useless ... There are: no: demons, Satanists or aliens: shariah worship: that you can hide from me ... because I will go fetch all: of them, too, that, also into: hole Gender: by: Obama to hell Satan!
@ISRAELE -- i satanisti Bildenberg farisei usurai rothschild massoni salafiti, tutte le scimmie Darwin talmud, loro sperano di nascondersi, di proteggersi da me: nascondendosi dietro: le spalle: del Papa, ma, youtube: che: lui è un satanista cannibale esperto.. lui lo sa molto bene: che, questo è: del tutto inutile... non esistono demoni, alieni o satanisti: shariah culto: che, si possono nascondere da me... perché, io li andrei a prendere, anche, in quel buco Gender: di: satana Obama all'inferno!
Sono d'accordo con amore, perché senza amore niente può accadere. Buona notte.
Je suis d'accord avec l'amour car sans amour rien ne pouvez se passer. bonne nuit
Estoy de acuerdo con amor porque sin amor no puede ser la noche passer. bonne
==============
Rocio Villalba: "What are you writing. Are you Catholic? dime no te gusta el Papa
UNIUS REI :"i love too, very love Papa holiness,
Rocio Villalba: "Porque me escribes estas cosas Satánicas yo no estoy en esas cosas. Realmente porqué haces estás cosas conmigo. El solo habla del mal. El es catolico. So King al parecer eso esta pasando. Yes king I think this is happening right now.
UNIUS REI :" I got tired of seeing dying 400 Christian martyrs every day: from 25 yeas, every day! I am the Centre Observatory: of martyrdom of Christians! now the Pope hasn't condemned the shariah, and, hasn't condemned the Pharisee Imf Rothschild Spa!
mi sono stancato di vedere morire 400 martiri cristiani ogni giorno: da 25, ogni giorno! io sono l'osservatorio: del martirio dei cristiani! ora il Papa non ha ancora condannato la shariah e i farisei Spa Fmi Rothschild! but, even the Apostle Paul, has rebuked Peter, this has happened!
ma, anche l'Apostolo Paolo ha rimproverato l'Apostolo Pietro, questo è successo! NON sono io, che, io ho messo il male nel mondo! e se, io sono Unius REI, nessuno mi potrà vincere.. ma, io vedrò con i miei occhi la distruzione dei miei nemici!
Yo no, que yo he puesto el daño en el mundo! y si, io sono Unius rey, nadie va a ganar... Pero veo con mis propios ojos la destrucción de mis enemigos!
Not me, that I have put the hurt in the world! and if, io sono Unius King, no one will win.. but, I see with my own eyes the destruction of my enemies!