Toaff ritira il libro "Pasque di sangue"

 http://images.google.it/imgres?imgurl=http://www.repubblica.it/2007/02/sezioni/spettacoli_e_cultura/toaff-libro/toaff-libro/ap_9748303_29230.jpg&imgrefurl=http://www.repubblica.it/2007/02/sezioni/spettacoli_e_cultura/toaff-libro/toaff-libro/toaff-libro.html&usg=__Kq_yxA1xoIVauUgGAQpNTCJaoig=&h=234&w=200&sz=10&hl=it&start=16&tbnid=FgkvBkGEjoz3BM:&tbnh=109&tbnw=93&prev=/images%3Fq%3DPasque%2Bdi%2BSangue%2Bdi%2BAriel%2BToaff%26gbv%3D2%26hl%3Dit



L'editore "Il Mulino" smette di stampare, su richiesta dell'autore, il volume
Era stato accusato dalle comunità ebraiche di fomentare l'antisemitismo
Toaff ritira il libro "Pasque di sangue"
"Le mie tesi storiche distorte dai media"

Ariel ToaffTEL AVIV (ISRAELE) - Il libro dello scandalo è stato ritirato. Ariel Toaff - figlio dell'ex rabbino capo di Roma Elio - professore di storia all'università Bar Ilan, ha telefonato al suo editore Il Mulino per chiedere di sospendere la pubblicazione di "Quelle Pasque di Sangue", il libro che suscitato le ire della comunità ebraica. Nel libro viene proposta una tesi sconvolgente: che fra il 1100 e il 1500 circa, in Europa, gli ebrei ashkenaziti fondamentalisti compirono sacrifici umani. Il cui sangue veniva poi utilizzato nei rituali della Pasqua. La tesi, difesa dall'autore come frutto di una seria ricerca storica, ha sollevato molte polemiche. Fino a una presa di posizione di riprovazione dello stesso padre, Elio Toaff.

I rabbini italiani lo hanno subito accusato di fomentare l'antisemitismo. E anche Moni Ovadia, che lo difende come storico, invita alla prudenza. Toaff solleva "un argomento delicato - dice l'artista di origini ebraiche - perché sulla base di false accuse di rituali vennero fatte delle terribili persecuzioni". L'università Bar Ilan di Tel Aviv, dove Toaff lavora, ha espresso "collera e grande dispiacere nei confronti del professore, per la sua mancanza di sensibilità nel pubblicare il suo libro sulle istigazioni di sangue in Italia".

"Il professor Toaff avrebbe dovuto dimostrare maggior sensibilità e prudenza - hanno detto alla sua università - nel gestire il libro e la sua pubblicazione, in modo da prevenire le recensioni e le interpretazioni distorte e offensive". Al suo rientro dal'Italia, Ariel Toaff ha avuto ieri un lungo colloquio con il presidente dell'università Bar Ilan, Moshe Kaveh. Dopo il colloquio, lo storico si è scusato con "tutti coloro che sono stati offesi dagli articoli e dai fatti distorti attribuiti a me e al mio libro".

"Ho chiesto alla casa editrice Il Mulino la sospensione immediata di ogni ulteriore distribuzione del libro - ha fatto sapere Toaff - in modo da poter rielaborare quei passaggi che sono stati alla base di distorsioni e false interpretazioni nei media". "Non consentirò mai - ha aggiutno - a chi odia gli ebrei di usarmi, o di usare la mia ricerca, quale strumento per alimentare la fiamma, ancora una volta, dell'odio che ha portato all'assassinio di milioni di ebrei".